Il ministro della Difesa Lorenzo Guerini fa visita al luogo dell’incidente ferroviario

"La vista di questo scenario di devastazione desta profonda emozione. Esprimo cordoglio per i famigliari delle vittime".

Il ministro della Difesa Lorenzo Guerini fa visita al luogo dell’incidente ferroviario
Cronaca Casalpusterlengo, 09 Febbraio 2020 ore 09:28

Il ministro della difesa Lorenzo Guerini in visita al luogo in cui si è verificato l’incidente ferroviario sulla linea ad alta velocità: “La vista di questo scenario di devastazione desta profonda emozione. Esprimo cordoglio per i famigliari delle vittime e vicinanza ai numerosi feriti, insieme all’apprezzamento per la generosità e l’efficienza delle tante persone impegnate nei soccorsi, nella messa in sicurezza dell’area e nell’accertamento di quanto è avvenuto”.

Guerini sul posto dell’incidente

Il Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, si è recato nella mattinata di ieri, 08 febbraio 2020, in visita sul luogo, in località Cascina Griona nel territorio del Comune di Livraga, dove all’alba di giovedì 6 febbraio si è verificato il tragico incidente ferroviario che ha coinvolto un treno Freccia Rossa in servizio sulla linea ad Alta Velocità Milano-Napoli, causando la morte dei 2 macchinisti ed il ferimento di 31 persone tra viaggatori e personale di bordo.
Accompagnato dal Vice Prefetto Vicario di Lodi, dott.ssa Lucrezia Loizzo, il Ministro ha avuto modo di interloquire con dirigenti della Polizia Ferroviaria presenti sul posto, che lo hanno informato sullo stato delle operazioni in corso, e si è soffermato per un saluto ed un ringraziamento alla postazione della Protezione Civile e dei servizi di soccorso.

6 foto Sfoglia la gallery

Il commento del ministro della difesa

“La visita al luogo in cui si è verificato questo terribile incidente ferroviario suscita in me emozioni molto profonde, perché alle sensazioni di sgomento che hanno accomunato ogni italiano si aggiunge un ulteriore coinvolgimento personale, dato dal mio legame con il territorio lodigiano, in cui sono nato e cresciuto e tuttora vivo, a pochi chilometri di distanza da qui” ha affermato Guerini.

“La visione ravvicinata dello scenario in cui è avvenuto l’incidente è davvero di forte impatto – ha aggiunto – perché dà una rappresentazione straordinariamente intensa delle dimensioni e della gravità di quanto è accaduto, con la percezione netta della devastazione creata dallo scontro della motrice con l’edificio di servizio in prossimità della linea ferroviaria, le condizioni impressionanti della motrice stessa ed i danneggiamenti alla carrozza che si è ribaltata.

In questo momento – ha proseguito il Ministro – si avverte l’esigenza di ribadire un sentimento di profondo cordoglio per le due vittime e di vicinanza ai famigliari, con un pensiero ai numerosi feriti, unito all’auspicio che possano quanto prima ristabilirsi. Sul luogo sono in corso impegnative attività di presidio della zona e di acquisizione di dati ed elementi di conoscenza indispensabili per una completa e corretta ricostruzione dell’accaduto, prima di procedere al ripristino di una infrastruttura di cruciale importanza per i collegamenti.
Voglio rinnovare anche in questa occasione l’apprezzamento per la tempestività e l’efficienza con cui si è attivato fin da subito il dispositivo dei soccorsi manifestando gratitudine per la generosità e la professionalità con cui stanno operando tutte le persone chiamate, in diversi ruoli e con specifiche competenze, a gestire questa complessa situazione. Guardiamo inoltre con fiducia e rispetto al lavoro delle autorità preposte alla ricostruzione di quanto è avvenuto ed alla individuazione delle cause dell’;incidente, a partire dall’importante ruolo di accertamento svolto dalla Procura della Repubblica di Lodi”.

LEGGI ANCHE:

Frecciarossa deragliato nel Lodigiano, indagati 5 operai

Frecciarossa incidente, l’ONLIT: “Cause da ricercare nei meccanismi di manutenzione”

Incidente Frecciarossa nel Lodigiano, il bilancio definitivo di morti e feriti

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità