RICHIESTI TAMPONI

Tamponi nelle RSA: l’Amministrazione chiede di effettuarli a tutti gli ospiti e operatori

Dopo le polemiche e le smentite arriva la richiesta dell'amministrazione.

Tamponi nelle RSA: l’Amministrazione chiede di effettuarli a tutti gli ospiti e operatori
Lodi, 07 Aprile 2020 ore 09:23

Fondazione Santa Chiara: l’Amministrazione rinnova la richiesta di estendere la possibilità di sottoporre al tampone tutti gli ospiti e gli operatori sanitari. Dopo le numerose lamentele avvenute dalla minoranza nei giorni scorsi, l’amministrazione comunale lodigiana ha fatto ieri il punto sulla situazione tamponi nelle RSA della città.

LEGGI ANCHE>>Casanova ricapitola su Santa Chiara, ma Milanesi (Lodi Civica) la vede diversamente

LEGGI ANCHE>> La drammatica situazione a Santa Chiara: a marzo 52 decessi

Incontro dell’amministrazione comunale sui tamponi a Santa Chiara

Si è tenuto nella mattina di ieri, 06 aprile 2020, il tavolo convocato dal Sindaco di Lodi Sara Casanova per un confronto sul tema dei tamponi nelle RSA. Al vertice hanno partecipato, oltre al Sindaco, il vicesindaco Lorenzo Maggi, il direttore generale di ATS Milano Città metropolitana Walter Bergamaschi, il direttore generale dell’ASST di Lodi Massimo Lombardo, il presidente della Fondazione Santa Chiara Onlus Corrado Sancilio, insieme alla direttrice Maria Rosa Bruno e al direttore sanitario Domenico Furiosi.

LEGGI ANCHE >> Casiraghi (M5S): “Non è vero che non ci sono indicazioni per i tamponi nelle Rsa”

Il commento del sindaco Casanova

“L’incontro si è svolto all’insegna della collaborazione e della disponibilità delle parti a fare il punto sulle procedure di ricerca del Covid-19 nelle RSA, considerando anche le informazioni non sempre attendibili circolate nei giorni scorsi sull’argomento. ATS sta raccogliendo i nominativi degli ospiti sintomatici che effettueranno i tamponi da inviare successivamente per le analisi ai laboratori di riferimento del territorio, tra cui anche il Parco tecnologico padano, recentemente accreditato da Regione Lombardia, dopo un iter autorizzativo che la direzione del Parco, supportata dall’Amministrazione, ha avviato già nel mese di febbraio. Anche i dipendenti della Fondazione Santa Chiara, attualmente assenti dal lavoro, dovranno obbligatoriamente effettuare due tamponi, entrambi con esito negativo, prima di poter rientrare. E’ di fondamentale importanza che in tutte le case di riposo si continuino a mantenere rigorose procedure di contenimento: questa è la prima condizione per una corretta gestione finalizzata ad evitare che il contagio si diffonda.”

Serve la certezza dei tamponi per i sintomatici

“Credo che la certezza di poter sottoporre al test tutti i sintomatici abbia un’importanza fondamentale, alla luce dei tanti decessi che nelle RSA del territorio e anche a Santa Chiara sono stati purtroppo registrati il mese scorso. L’Amministrazione ha rinnovato la richiesta di estensione a tutti gli ospiti e a tutti gli operatori sanitari della possibilità di sottoporsi al tampone.”

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia