“Omicidio stradale” per l’automobilista che investì il giudice Apicella

A gennaio l'udienza preliminare. Il giovane, incensurato, rischia 4 anni e mezzo.

“Omicidio stradale” per l’automobilista che investì il giudice Apicella
Lodi, 26 Agosto 2018 ore 10:53

“Omicidio stradale” per il giovane automobilista incensurato che investì e uccise il giudice Apicella. A gennaio l’udienza preliminare.

Omicidio stradale

A.M. un automobilista incensurato di 31 anni, il pomeriggio di Pasqua investì l’ex presidente del tribunale di Lodi, Bruno Apicella, e sua moglie. L’uomo, 84 anni morì sul colpo, mentre la moglie fu ferita gravemente.

Tasso alcolemico elevato

Il giovane, che si era fermato a prestare soccorso dopo l’incidente, era stato trovato però con un tasso alcolemico più di tre volte superiore alla soglia consentita. Per lui era scattato l’arresto con l’accusa di omicidio stradale.

Udienza a gennaio

E’ stata fissata per il prossimo mese di gennaio l’udienza preliminare davanti al gup di Lodi. Il 31enne, che a fine luglio ha richiesto il patteggiamento, ora rischia una pena di 4 anni e mezzo.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE!

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia