CORONAVIRUS E RSA

Coronavirus, ATS, Rsa: 1689 morti a Milano e nel lodigiano

Sono almeno 20 le indagini aperte sulle Rsa di Regione Lombardia.

Coronavirus, ATS, Rsa: 1689 morti a Milano e nel lodigiano
Lodi, 24 Aprile 2020 ore 16:22


(Attiva l’audio per ascoltare il servizio)

La situazione nelle Rsa Lodigiane e milanesi

Decessi che aumentano giorno per giorno nelle Rsa lombarde: sono al lavoro gli inquirenti e gli investigatori ma i numeri rimangono ancora troppo alti. 1689 decessi per covid o sospetto covid sono starti registrati nelle 57 case di riposo di milano e della provincia di Lodi dal 20 febbraio al 15 aprile, mancano ancora i dati degli ultimi giorni.

L’agenzia di tutela della salute di milano che aveva il compito di vigilare che le disposizioni di Regione Lombardia venissero rispettate ha sentito in audizione i medici del Pio Albergo Trivulzio ( la casa di riposo milanese che ha segnalato almeno 200 morti nelle ultime settimane) dove i dipendenti hanno denunciato l’assenza di mascherine e il non aver isolato i pazienti sintomatici.

Le indagini sulle Rsa lombarde

Questi sono i due punti su cui si concentrano le indagini su tutte le RSA della Regione.

Ad ammalarsi, oltre agli ospiti della struttura, sono – ovviamente – stati anche operatori e infermieri. Attualmente sono almeno 20 le indagini aperte, per epidemia colposa e omicidio colposo.

Come rivelato dall’Istituto superiore dalle Sanità, la maggior parte dei decessi si conta nelle strutture per anziani.

I contagi a Santa Chiara

Ricordiamo che, per i ora, nella struttura della fondazione Santa Chiara, la casa di riposo più importante del Lodigiano, più del 60% dei degenti tamponati è risultato positivo al coronavirus, con 52 decessi contati nel solo mese di marzo

LEGGI ANCHE: La drammatica situazione a Santa Chiara: a marzo 52 decessi

Più del 60% degli ospiti di Santa Chiara positivi al Coronavirus: l’opposizione vuole chiarezza

TORNA ALLA HOME

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia