Sciopero delle cuoche, Assessore Molinari parla di toni intollerabili e violenti

L'assessore Molinari ritiene del tutto legittima la contestazione sindacale, ma il coinvolgimento dei minori ha suscitato la sua ira.

Sciopero delle cuoche, Assessore Molinari parla di toni intollerabili e violenti
Politica Lodi, 27 Novembre 2018 ore 10:51

Sciopero delle cuoche: l'Assessore Giuseppina Molinari sul piede di guerra.

Sciopero delle cuoche

Nella giornata di ieri, 26 novembre, si è tenuto il secondo sciopero delle cuoche, davanti alla Scuola Arcobaleno. Il Comune, appaltante del servizio dell’azienda Serenissima, non ha ottenuto nell’ultimo incontro ciò che le lavoratrici chiedevano; l’azienda ritiene di essere in regola sospendendo le lavoratrici durante il periodo natalizio e pasquale. Niente ferie pagate per le vacanze di Natale e Pasqua.

Furgoni bloccati

Sono stati bloccati i furgoni incaricati di distribuire i panini nei vari plessi scolastici, in sostituzione del pasto caldo. Molte famiglie hanno solidarizzato con le cuoche facendo uscire i figli da scuola, circa un centinaio. Si è trattato del secondo sciopero importante, il primo aveva avuto luogo il 22 ottobre. Anche il Pd Lodigiano si è occupato del caso e l’Assessore Molinari ha espresso la posizione del Comune in merito.

LEGGI ANCHE: Tigre di 200 kg operata all'ospedale di Lodi

La rabbia dell'Assessore Molinari

Non è piaciuta all'assessore la modalità dello sciopero di ieri. La Molinari non ha contestato la legittima azione sindacale ma ne ha condannato quella che ha definito una strumentalizzazione politica. Intollerabili i toni violenti e i disagi recati ai bambini, ha specificato la donna.

LEGGI ANCHE: Allerta meteo per il forte vento