Politica

Elezioni provinciali 2018, “Uniti per il Lodigiano” presenta ricorso al Tar

Contro il risultato delle elezioni da cui era stata esclusa.

Elezioni provinciali 2018, “Uniti per il Lodigiano” presenta ricorso al Tar
Politica Lodi, 01 Dicembre 2018 ore 10:49

Elezioni provinciali 2018: la lista “Uniti per il Lodigiano” ha presentato il ricorso contro il risultato delle elezioni provinciali da cui era stata esclusa.

Elezioni provinciali 2018, la lista “Uniti per il Lodigiano” presenta ricorso al Tar

La lista “Uniti per il Lodigiano” ha presentato ricorso al Tar contro il risultato delle elezioni per il rinnovo del consiglio provinciale svoltesi il 31 ottobre. Attraverso l’impugnazione del verbale di proclamazione degli eletti redatto dall’Ufficio Elettorale Provinciale, il ricorso si pone l’obiettivo di ottenere da parte del Tribunale Amministrativo Regionale la censura delle procedure che avevano portato l’Uep a decidere l’esclusione della lista “Uniti per il Lodigiano”, a causa della mancanza di un numero sufficiente di sottoscrizioni autenticate.

LEGGI ANCHE: Elezioni Provinciali Lodi 2018: esclusione della lista “Uniti per il Lodigiano”

L’iniziativa, fondata su precisi riferimenti giurisprudenziali e sulle prassi indicate dal Ministero dall’Interno in merito a tempi e modalità con cui devono essere effettuate le verifiche sulla regolarità e completezza della documentazione depositata, rappresenta il tentativo di ristabilire corrette condizioni di competizione elettorale, grazie all’affermazione di un consolidato principio di “favor partecipationis”.

Diritto di scelta degli elettori

“L’estromissione di “Uniti per il Lodigiano” dal confronto elettorale ha causato una grave menomazione del voto, comprimendo il diritto di scelta degli elettori, oltre a negare rappresentanza in consiglio ad una formazione in cui si riconosceva e si riflette una estesa area di consenso politico - sottolinea Roberta Vallacchi, segretaria provinciale del Partito Democratico - Tutto ciò poteva essere evitato, adottando un approccio meno formalistico e concedendo gli spazi che norma e prassi individuano chiaramente proprio per consentire di regolarizzare situazioni come questa, tutelando l’interesse superiore della partecipazione e della possibilità di scelta. Confidiamo che questo interesse possa ora affermarsi attraverso il giudizio del Tar”.

LEGGI ANCHE: Elezioni provinciali 2018, consiglio tutto di Centrodestra

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Seguici sui nostri canali