DUE MISURE STRAORDINARIE

Emergenza Coronavirus: bonus regionale e-learning e mutui sulla prima casa

Requisiti e come avanzare le domande.

Emergenza Coronavirus: bonus regionale e-learning e mutui sulla prima casa
Lodi, 25 Aprile 2020 ore 10:06

Con DGR n. 2999 del 30 Marzo 2020 Regione Lombardia ha approvato due contributi straordinari a sostegno delle famiglie in situazione di temporanea difficoltà a seguito dell’attuale emergenza epidemiologica da Covid-19. 

Le misure

La misura ha l’obiettivo di sostenere le famiglie lombarde – in particolare quelle con figli minori – che si sono trovate a fronteggiare numerose spese impreviste e un’estrema difficoltà di liquidità..

I contributi previsti, non cumulabili tra loro, sono: 

Contributo mutui prima casa: contributo straordinario una tantum pari ad euro 500,00 ad ogni 

nucleo familiare con almeno un figlio di età minore o uguale a 16 anni 

Contributo e-learning: contributo straordinario una tantum pari all’80% delle spese sostenute fino ad un massimo di euro 500,00 per ogni nucleo familiare con almeno un figlio di età compresa tra 6 anni e minore o uguale a 16 anni per l’acquisto della strumentazione tecnologica necessaria alla didattica on line (pc fisso o portatile o tablet con microfono e fotocamera). Non è previsto un minimo di spesa 

Qualora inoltre il richiedente volesse richiedere il contributo aggiuntivo a valere sul Fattore Famiglia Lombardo, ai fini del calcolo sarà richiesto di fornire le seguenti ulteriori dichiarazioni sostitutive di certificazioni o atto notorio ai sensi del DPR n. 445/2000, ove necessario corredate dalle relative attestazioni e dai dati personali dei componenti: 

− di essere residente in Lombardia da almeno 5 anni (indicando i relativi comuni nel quale si è risieduto); − il numero dei figli presenti nel nucleo familiare; − che nel nucleo familiare è presente almeno una persona anziana di età maggiore o uguale a 65 anni o di una donna in accertato stato di gravidanza; − che nel nucleo familiare è presente una o più persone con disabilità o persone non autosufficienti diverse da quelle indicate al punto precedente 

Requisiti 

Nuclei familiari in cui il richiedente sia residente in Regione Lombardia e per cui si sia verificata una delle seguenti situazioni a seguito dell’emergenza COVID-19 

– lavoratori dipendenti con rapporto di lavoro subordinato, lavoro parasubordinato, di rappresentanza commerciale o di agenzia: riduzione pari ad almeno il 20% delle competenze lorde, incluse eventuali voci non fisse e continuative, relative all’ultima retribuzione percepita al momento di presentazione della domanda rispetto alle competenze lorde percepite nel mese di gennaio 2020; 

– liberi professionisti e lavoratori autonomi: riduzione media giornaliera del proprio fatturato rispetto al periodo di riferimento, registrato in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020 ovvero nel minor lasso di tempo intercorrente tra la data della domanda e la predetta data, superiore al 33% del fatturato medio giornaliero dell’ultimo trimestre 2019, in conseguenza della chiusura o della restrizione della propria attività operata in attuazione delle disposizioni adottate per l’emergenza Coronavirus; 

– morte di un componente del nucleo per Covid-19 

e che presentino inoltre i seguenti requisiti: 

– almeno un figlio di età inferiore o uguale a 16 anni di età all’atto di presentazione della domanda per 

il contributo mutui prima casa; 

– almeno un figlio di età compresa tra i 6 anni e minore o uguale a 16 anni di età all’atto di 

presentazione della domanda per il contributo e-learning 

– ISEE ordinario o corrente in corso di validità (ISEE 2020) con valore minore o uguale ad € 30.000,00. 

Al fine di tenere in considerazione le potenziali difficoltà, viste le limitazioni agli spostamenti determinate dalla situazione di emergenza contingente, a raggiungere le sedi dei Centri Assistenza Fiscali (CAF), per i nuclei familiari privi dell’attestazione ISEE 2020 viene considerata valida anche l’attestazione ISEE 2019 con valore inferiore o uguale ad euro 30.000. È comunque possibile presentare domanda anche nel caso in cui il richiedente non fosse in possesso di nessuna delle due attestazioni; in tal caso la conclusione dell’istruttoria è sospesa fino alla presentazione dell’ISEE 2020 da parte del richiedente da trasmettere al massimo entro 90 giorni dalla protocollazione della domanda, pena inammissibilità della stessa 

I requisiti sono in capo al richiedente.

LEGGI ANCHE: Buoni spesa a Lodi, requisiti

Come si presentano le domande

Le domande vengono presentate a sportello dalle famiglie attraverso il sistema www.bandi.servizirl.it a partire dalle ore 12 del 4 Maggio alle ore 12 del 11 Maggio 2020 

Attraverso: 

– SPID – Sistema Pubblico di Identità Digitale: è un codice personale che consente di accedere da qualsiasi dispositivo e di essere riconosciuto da tutti i portali della Pubblica Amministrazione. Per richiedere ed ottenere il codice SPID: https://www.spid.gov.it/richiedi-spid

oppure 

– CNS – Carta Nazionale dei Servizi/CRS – Carta Regionale dei Servizi e PIN; 

oppure 

– nome utente e password. In questo caso, per poter operare, occorre attendere la verifica delle informazioni di registrazione e profilazione, che potrà richiedere fino a 16 ore lavorative. Per la registrazione/profilazione non è necessario attendere la data di avvio per la presentazione delle domande. 

Il richiedente dovrà autocertificare di essere residente in Regione, che si è trovato in una delle condizioni previste per l’accesso al contributo e i figli presenti nel nucleo famigliare e dovrà allegare: 

– Attestazione ISEE ordinario o corrente (ISEE 2020 o ISEE 2019 ) in corso di validità con valore pari 

o inferiore ad euro 30.000 * 

– Per il contributo relativo al mutuo – quietanza di pagamento di una delle rate del mutuo prima casa relativa ad uno dei mesi dell’anno 2020 o dichiarazione della banca di ammortamento mutuo in corso in caso di richiesta contributo mutuo prima casa 

– Per il contributo e-learning – fattura o ricevuta fiscale da cui si evinca la tipologia di bene acquistato, avvenuto in data successiva all’ordinanza del 24 febbraio 2020 del Ministro della Salute d’Intesa col Presidente della Regione Lombardia 

Istruttoria delle domande 

Le domande saranno valutate dall’Ufficio di Piano in ordine di presentazione a condizione di rispettare i requisiti di ammissibilità. Le domande in possesso dei requisiti di ammissibilità previsti sono ammesse in 

base all’ordine cronologico di presentazione; l’assegnazione dei contributi è pertanto subordinata alla disponibilità del Fondo al momento della richiesta. 

Informazioni e contatti 

Per informazioni e chiarimenti sui contributi i Cittadini possono contattatare il numero 02.85788363, operativo dal lunedì al venerdì dalle 9,00 alle 12,00 e dalle 13,00 alle 16,00. 

Per le richieste di assistenza alla compilazione on-line e per i quesiti di ordine tecnico sulle procedure informatizzate è possibile contattare il Call Center di ARIA S.p.A.al numero verde 800.131.151 operativo da lunedì al sabato, escluso i festivi: 

– dalle ore 8.00 alle ore 20.00 per i quesiti di ordine tecnico – dalle ore 8.30 alle ore 17.00 per richieste di assistenza tecnica.

TORNA ALLA HOME

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia