Cronaca
sulla via Emilia

Sorpasso pericoloso e alla guida ubriaco: neopatentato nei guai

Il giovane è stato sottoposto immediatamente al test alcolemico dal quale è emerso un tasso notevolmente superiore a quello consentito dalle Legge.

Sorpasso pericoloso e alla guida ubriaco: neopatentato nei guai
Cronaca Lodi, 13 Aprile 2022 ore 17:41

Ritiro di patente per guida in stato di ebbrezza e sorpasso pericoloso a un neopatentato .

Sorpasso pericoloso sulla via Emilia

Nei giorni scorsi la pattuglia del Pronto Intervento della Polizia Locale mentre effettuava un servizio di perlustrazione del territorio in orario pomeridiano, ha notato un’autovettura in transito effettuare un sorpasso pericoloso e azzardato in corrispondenza di un attraversamento pedonale sulla Via Emilia.

Prontamente gli agenti in servizio hanno inseguito la macchina con a bordo cinque persone intimando l’alt al conducente del veicolo il quale, identificato per K.O. di nazionalità nigeriana di 24 anni, ha fatto sentire un alito vinoso esprimendosi in modo sconclusionato.

Il soggetto è stato sottoposto immediatamente al test alcolemico, con l’etilometro in dotazione, dal quale è emerso un tasso notevolmente superiore a quello consentito dalle Legge, ovvero a zero trattandosi di neopatentato.

Guidava sotto l'effetto di alcol

Oltre alla sanzione per la violazione al Codice della Strada per il sorpasso pericoloso, il Comando lo ha denunciato all’Autorità Giudiziaria per guida sotto l’effetto di alcool e sospensione della patente per un periodo da 16 mesi a 3 anni, oltre al sequestro amministrativo della vettura.
La Polizia Locale contribuisce alla sicurezza della circolazione stradale anche effettuando controlli mirati in prevenzione alla guida in stato di ebrezza, in questo caso come riferisce il Sindaco Elia Delmiglio il controllo ha scongiurato possibili pericoli, si pensi se ci fosse stata collisione tra veicoli, la vettura identificata era di fatto occupata da ragazzi giovani peraltro tutti senza patente.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter