Sicurezza urbana, la sottoscrizione dei patti in Prefettura

Uno strumento di grande efficacia per la prevenzione e il contrasto di fenomeni microcriminalità diffusa: furti, atti vandalici, spaccio di sostanze stupefacenti, abbandono di rifiuti.

Sicurezza urbana, la sottoscrizione dei patti in Prefettura
Lodi, 12 Giugno 2018 ore 16:20

Sicurezza urbana: sottoscritti in Prefettura i patti per l’attuazione.

Sicurezza urbana

In mattinata è stato sottoscritto tra il Prefetto di Lodi, dott.ssa Patrizia Palmisani, ed i Sindaci dei Comuni di Borghetto Lodigiano, dott.ssa Giovanna Gargioni, Lodi Vecchio, Alberto Vitale, e Senna Lodigiana, Francesco Antonio Premoli, il ‘Patto per l’attuazione della sicurezza urbana’. La cerimonia si è svolta alla presenza del Vice Questore Vicario, dott.ssa Francesca Fusto, del Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, Ten. Col. Vittorio Carrara, e del Comandante del Nucleo PT del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, Ten. Col. Fabrizio Notaro.

Il significato della cerimonia

Nelle parole del Prefetto il significato della cerimonia:

“Il Patto che oggi abbiamo sottoscritto è uno strumento di grande efficacia per la prevenzione e il contrasto di quei fenomeni di microcriminalità diffusa e predatoria – furti, atti vandalici, spaccio di sostanze stupefacenti, abbandono di rifiuti – che tanto affliggono alcune zone dei nostri territori comunali, finendo col creare una diffusa percezione di insicurezza tra i cittadini”.

Presentare i progetti

A seguito della sottoscrizione del Patto, le Amministrazioni comunali interessate potranno presentare in Prefettura un “Progetto per l’installazione o implementazione dei sistemi di videosorveglianza per finalità di sicurezza urbana”, che sarà sottoposto alle valutazioni del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, chiamato a verificarne la conformità alle caratteristiche prescritte dalle vigenti direttive impartite dal Ministero dell’Interno, con il supporto tecnico della Zona Telecomunicazioni della Polizia di Stato.

La richiesta dei finanziamenti

Quindi, i Comuni avranno tempo fino al 30 giugno per chiedere l’ammissione al finanziamento di cui al D.M. 31 gennaio 2018, emanato di concerto dal Ministro dell’Interno e dal Ministro dell’Economia e delle Finanze e sperare di collocarsi utilmente nella graduatoria che sarà stilata da una apposita Commissione ministeriale sulla base di specifici criteri.

“Nel rispetto delle reciproche competenze – ha detto il Prefetto – la Prefettura e i Comuni hanno inteso adottare strategie congiunte volte a prevenire e contrastare ogni forma di illegalità, a favorire l’impiego delle Forze di Polizia per far fronte ad esigenze straordinarie del territorio, a migliorare la tranquillità dei cittadini, a promuovere il rispetto del decoro urbano”.

Altri comuni della provincia

Giovedì 14 giugno è prevista la sottoscrizione di un analogo Patto con il Sindaco del Comune di Pieve Fissiraga. Anche il Comune di Casalpusterlengo ha manifestato l’intenzione di aderire a tale importante iniziativa, avvalendosi delle specifiche risorse messe a disposizione dallo Stato per implementare il proprio impianto di videosorveglianza.

LEGGI ANCHE Weekend di furti in provincia di Lodi oppure TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE!

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia