IL PREMIO LOMBARDO

Scoprì il paziente 1: Fontana attribuisce il premio “Rosa Camuna” all’anestesista cremonese

Il più alto riconoscimento della Regione Lombardia.

Scoprì il paziente 1: Fontana attribuisce il premio “Rosa Camuna” all’anestesista cremonese
Lodi, 03 Giugno 2020 ore 10:14

Ad Annalisa Malara, un premio speciale “Rosa Camuna”, il più alto riconoscimento della Regione Lombardia: l’anestesista cremonese scoprì il “Paziente 1”.

Il premio “Rosa Camuna” ad Annalisa Malara

Come riporta Prima Cremona il governatore Attilio Fontana assegnerà un Premio ‘speciale’ Rosa Camuna, il più alto riconoscimento della Regione Lombardia, ad Annalisa Malara, l’anestesista cremonese dell’ospedale di Codogno. La dottoressa Malara scoprì che Mattia Maestri era affetto da coronavirus.

“Annalisa Malara per prima ha avuto il coraggio di individuare il paziente 1” ha spiegato il presidente Fontana. “Credo – ha aggiunto – che le si debba un grazie. Premiando lei si premiano tutti medici, infermieri, volontari che in questa pandemia hanno dimostrato una forza, una determinazione, una disponibilità nei confronti degli altri che è davvero commovente”.

L’intuizione

La dottoressa Annalisa Malara, la notte del 20 febbraio 2020, infrangendo un protocollo sanitario, sottopose Mattia al test del tampone, scoprendo così il primo paziente italiano positivo al virus.

Fu grazie alla sua audacia se l’Italia e l’Intera Europa ricevettero l’allarme e furono messi nella condizione di frenare la diffusione del virus.

“Quella intuizione ha cambiato il corso di una storia che sarebbe potuta essere ancora più drammatica di quanto non sia stata. Per questo a lei il riconoscimento Rosa Camuna di Regione Lombardia che simbolicamente va a tutti i medici e gli operatori sanitari,che da quel giorno, hanno combattuto una lotta generosa, professionale e senza risparmio al virus”.

LEGGI ANCHE: Annalisa Malara, ecco chi è l’anestesista che ha scoperto il “paziente 1”

TORNA ALLA HOME 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia