TRAGEDIA A BORGHETTO

Pizzaiolo 44enne accoltella la madre e poi si toglie la vita

All'arrivo dei soccorsi Roberto Bianchi era già deceduto, la madre è ora in gravi condizioni.

Pizzaiolo 44enne accoltella la madre e poi si toglie la vita
Casalpusterlengo, 27 Maggio 2020 ore 09:49

Nel pomeriggio di ieri l’ennesima tragedia che ha colpito il Lodigiano in questi giorni di paura e dolore: dopo la terribile morte del piccolo Prince, il bambino di soli 3 anni deceduto a causa della caduta dal balcone del 5° piano del palazzo in cui abitava, ieri pomeriggio un uomo di 44 anni originario di Casalpusterlengo ha aggredito la madre cercando di ucciderla togliendosi poi la vita allo stesso modo.

Tentato omicidio e suicidio

Secondo una prima ricostruzione della vicenda, a scatenare la furia di Roberto Bianchi, 44anni, residente a Casalpusterlengo e titolare della pizzeria Pizza Ricca di Codogno, sarebbe stato un litigio avvenuto con la madre, le cui cause rimangono tutt’ora ignote. I primi problemi sarebbero sorti dalla morte del padre, imprenditore edile venuto a mancare 3 anni fa.

L’uomo, padre di un figlio piccolo, era tornato a casa della madre Gaetana Carlomagno, 80 anni, solo da poco tempo in seguito alla separazione dall’ex moglie, con la quale però non vi sarebbero dissapori.

La testimonianza dei vicini

A chiamare i soccorsi, dopo aver sentito le urla della madre e del figlio durante il litigio e, successivamente, grida di aiuto da parte dell’anziana, sarebbe stato un vicino insieme ad un operaio che stava lavorando in cortile. I soccorsi sono giunti sul posto in una manciata di minuti ma hanno atteso anche l’arrivo dei Carabinieri prima di entrare nell’abitazione.

All’arrivo dei soccorsi per Roberto Bianchi non c’era nulla da fare

Una volta entrati in casa per Roberto Bianchi non c’è stato nulla da fare: l’uomo era già deceduto dopo essersi tagliato la gola. La madre invece, anch’essa accoltellata alla gola, era ancora viva ed è stata tempestivamente trasportata con l’elisoccorso all’ospedale San Matteo di Pavia, dove vi è entrata in condizioni gravissime. 

Sul posto è giunto anche Massimiliano Bianchi, 40 anni, il fratello minore di Roberto, completamente sconvolto per quanto accaduto poco prima e per la follia omicida che ha portato il fratello a compiere atti estremi. E’ spettato a lui chiudere quella casa piena di dolore per poi recarsi velocemente all’ospedale pavese per assistere l’anziana madre.

Codogno e Borghetto Lodigiano sconvolte

A Codogno, paese in cui Roberto lavorava in proprio ormai da qualche anno, sono tutti increduli: dopo il lockdown, in cui la sua pizzeria era rimasta necessariamente chiusa, aveva ripreso a fare consegne a domicilio a pranzo e cena. Chi lo ha visto più di recente non aveva notato nulla di strano nel suo atteggiamento, gentile come sempre.

Pochi commenti anche a Borghetto Lodigiano, dove nessuno si aspettava che potesse accadere una simile tragedia famigliare.

LEGGI ANCHE: Casalpusterlengo in lutto per la morte di Prince, il piccolo di 3 anni caduto dal balcone

TORNA ALLA HOME

Top news
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia