Mano a Mano: se pensiamo bene stiamo bene insieme

Un progetto che punta allo sviluppo di un modello di accoglienza per piccoli numeri, permeabile e in dialogo con le comunità che accolgono.

Mano a Mano: se pensiamo bene stiamo bene insieme
Cronaca Lodi, 19 Aprile 2019 ore 14:51

La migrazione è forse l’unica costante nella storia dei popoli. Ciò che succede oggi ne è un’ulteriore conferma. Il mondo cambia, cambia il clima, la geografia, la politica, l’economia. La variabile del cambiamento è divenuta, mano a mano, una nuova costante.

Mano a mano

Mano a Mano, uno dei nuovi progetti inseriti nel Programma “Welfare di comunità” di Fondazione Cariplo, è una sperimentazione che parte da un preciso contesto territoriale di 12 Comuni della Provincia Lodigiana e tratta un tema di interesse nazionale e non solo. Il progetto intende affrontare la gestione ancora molto estemporanea e frammentata del fenomeno migratorio, secondo tre assi: governance tecnico-politica, rapporto con il territorio, qualità dei dispositivi di accoglienza. Un modello di gestione che prova a coinvolgere la comunità a diversi livelli per favorire effetti sostenibili e positivi del fenomeno migratorio sulle realtà locali, modello che potrà essere diffuso in tutti quei territori che lavoreranno per dare ai cittadini e alle Amministrazioni il ruolo attivo che spetta loro.

Innovare il sistema di accoglienza

Mano a Mano vuole innovare il sistema di accoglienza dando a persone diverse la possibilità di stare insieme. Coinvolgerà persone e risorse per dare ancora più valore ai territori e ai Comuni che hanno scelto di appoggiare l’idea. Accompagnerà i cittadini migranti verso l’autonomia, intervenendo su temi fondamentali per il suo raggiungimento quali cura, casa, lavoro e rete sociale. L’obiettivo è promuovere la diffusione di un nuovo modello locale di accoglienza e post-accoglienza.

18 eventi coprogettati

Le azioni previste nel primo triennio sono: 18 eventi coprogettati con il tessuto sociale attraverso il lavoro dei facilitatori di comunità e i laboratori sociali; recupero di 12 beni comuni, individuati a partire da suggerimenti dei partecipanti ai laboratori e condivisi con le amministrazioni, da riqualificare insieme tra cittadini e migranti e restituire alla comunità (ad es. il restauro di un’edicola votiva, il recupero di un appezzamento di terreno incolto, l’abbellimento di un parco); 12 accoglienze in famiglia per dare un ponte alle persone in uscita dai centri di accoglienza; 15 esperienze di co-housing dedicati a chi ha già raggiunto un grado maggiore di autonomia; 15 borse di studio per sostenere coloro che hanno deciso di investire sulla propria istruzione; 18 borse lavoro per promuovere l’inserimento lavorativo; 800 ore di formazione professionale per incrementare le competenze delle persone migranti spendibili nel mercato del lavoro; 454 ore di ambulatorio di clinica transculturale per sostenere le persone migranti con vulnerabilità psicologiche.

Tutte queste azioni hanno l’obiettivo di ridurre i timori e le diffidenze della comunità e il miglioramento della percezione del fenomeno migratorio grazie a occasioni di incontro per italiani e migranti.

Mano a Mano mette a disposizione persone, risorse e competenze per migliorare la qualità dei percorsi di accoglienza e la relazione dei centri e dei migranti con i contesti territoriali, per il benessere di tutti.

LEGGI ANCHE: La nuova Coop di Lodi inaugura a maggio

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli