ECONOMIA E CORONAVIRUS

Decreto Ristori, 584 attività economiche del Lodigiano ne hanno beneficiato

Pd Lodigiano: "Contributi a fondo perduto del Decreto Ristori: in 10 giorni versati 2.608mila euro a 584".

Decreto Ristori, 584 attività economiche del Lodigiano ne hanno beneficiato
Lodi, 19 Novembre 2020 ore 16:46

“Contributi a fondo perduto del Decreto Ristori: in 10 giorni versati 2.608mila euro a 584 attività economiche lodigiane. Un intervento concreto e tempestivo, a cui seguita l’integrazione del 50% stabilita nel ristori bis per le aziende con sede in zona rossa. “

584 lodigiane hanno ricevuto il ristoro del governo

Sono 584 le attività economiche del Lodigiano che hanno già ricevuto il contributo a fondo perduto stanziato con il Decreto Ristori, per un importo complessivo di 2.608.000 euro.

“Un risultato importante, raggiunto in tempi rapidissimi – sottolinea Roberta Vallacchi, segretaria provinciale del Partito Democratico – I dati ufficiali, presentati in Commissione Finanze della Camera a seguito di una interrogazione del capogruppo Pd, Gian Mario Fragomelli, dimostrano come il meccanismo di accreditamento automatico a favore delle attività che già avevano ricevuto il contributo del Decreto Rilancio si è rivelato tempestivo ed efficace, grazie anche all’efficienza del lavoro dell’Agenzia delle Entrate, incaricata di individuare i soggetti beneficiari e di effettuare i versamenti. Siamo tutti consapevoli che questi contributi non possono risolvere da soli i gravi disagi subiti dagli operatori costretti a chiusura o a forti limitazioni dell’attività, ma rappresentano comunque un sostegno concreto e soprattutto immediato, che peraltro non resterà isolato”.

Chi ha ricevuto le somme

Le somme accreditate in questi giorni sono andate alle imprese appartenenti alle categorie soggette alle limitazioni di attività stabilite con gli ultimi Dpcm sulle misure di prevenzione del rischio Covid e che già avevano avuto accesso ai contributi del Decreto Rilancio; si tratta, in particolare, di bar, gelaterie, pasticcerie e servizi di ristorazione, che rappresentano oltre il 70% dei beneficiari, seguiti da attività sportive e di intrattenimento, trasporto persone, attività artistiche e creative, servizi alla persona. Queste imprese hanno ricevuto contributi in misura variabile tra il 100% ed il 200% di quanto ottenuto con il Decreto Rilancio, a secondo del comparto economico di appartenenza, e grazie al Decreto Ristori Bis riceveranno una integrazione ulteriore del 50%, riservata alle attività con sede in territori classificati come Zona Rossa.

L’importo medio dei contributi erogati in Provincia di Lodi è stato di 4.466 euro, rispetto ad una media regionale lombarda di 4.790 euro ed una media nazionale di 4.562 euro (58° posto su 107 Province).

Il commento di Vallacchi

“Per fare un bilancio complessivo degli effetti della misura sul tessuto economico del territorio – osserva Vallacchi – sarà necessario attendere i dati relativi alle domande  presentate dalle imprese che non avevano fatto richiesta dei contributi del Dl Rilancio e non hanno quindi ricevuto in automatico quelli del Dl Ristori, nonché i dati sulle ulteriori categorie di beneficiari individuate con il Dl Ristori Bis. In ogni caso il meccanismo messo a punto dal Governo è stato in grado di concretizzare in pochi giorni l’obiettivo che si era prefissato, dando una risposta importante al bisogno di sostegno del mondo produttivo”.

LEGGI ANCHE:

Emergenza Covid e ristori: ecco quanto è arrivato a Lodi

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia