Cornegliano Laudense maxi impianto di Ital Gas: le condizioni dei sindaci

Interessati i territori di: Borgo San Giovanni, Massalengo, Lodi Vecchio, Pieve Fissiraga e San Martino in Strada.

Cornegliano Laudense maxi impianto di Ital Gas: le condizioni dei sindaci
Cronaca Basso Lodigiano, 25 Novembre 2018 ore 15:19

Cornegliano Laudense: il sindaco di Lodi Vecchio in rappresentanza dei cittadini del territorio.

Cornegliano Laudense

“L’attività del giacimento partirà solo quando sarà garantita la sicurezza dei lodigiani” questa la posizione dei sindaci in merito all’attivazione del maxi impianto del gas di Cornegliano Laudense. Sono diverse le condizioni che devono essere soddisfatte per gli amministratori dei territori di Borgo San Giovanni, Massalengo, Lodi Vecchio, Pieve Fissiraga e San Martino in Strada.

Le condizioni

Deve essere ottenuto il certificato tecnico da parte del Comitato tecnico regionale nonché una completa informazione e comunicazione alle comunità interessate degli eventuali scenari di rischio e relative modalità comportamentali. Serve infine che i Comuni e della Provincia possano adeguare i loro piani di emergenza comunali e provinciali così come previsto dalla normativa. I sindaci chiedono inoltre  di attivare il Piano di emergenza esterno.

Rispetto del protocollo

In rappresentanza del gruppo dei sindaci, Alberto Vitale primo cittadino di Lodi Vecchio pretende il rispetto delle  condizioni previste dal protocollo siglato in prefettura dagli amministratori lodigiani a dicembre 2015.

LEGGI ANCHE: Cascina Belfuggito: la terra di nessuno ostaggio dei rom

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli