Partita a Sant’Angelo, la Casatese: “Insultati dai tifosi lodigiani e ignorati dall’arbitro”

Lettera del presidente Sassella ai vertici di Aia e Ldn dopo il pareggio.

Partita a Sant’Angelo, la Casatese: “Insultati dai tifosi lodigiani e ignorati dall’arbitro”
Lodi, 05 Novembre 2019 ore 09:18

“Non ci piace fare i piangina, come si dice in Brianza, ma vogliamo anche noi una giusta tutela”: questo in sintesi il contenuto della durissima lettera che la Casatese, militante in Eccellenza, ha inviato nella giornata di lunedì 4 novembre 2019 ai vertici lombardi dell’Associazione Arbitri e della Lega Nazionale Dilettanti. Il motivo della protesta è il presunto trattamento scorretto subito domenica durante la partita giocata a Sant’Angelo Lodigiano.

La Casatese protesta con Aia e Lnd

Insulti dagli spalti e un trattamento arbitrale fortemente penalizzante. Come raccontato dai colleghi di GiornalediLecco.it, questo è quanto ha lamentato la Casatese dopo la trasferta del campionato di Eccellenza a Sant’Angelo Lodigiano, piazza storicamente “calda”, finita 0-0 ma con due reti annullate e contestatissime dai brianzoli allenati da Danilo Tricarico. “Una vittoria che vale solo 1 punto”: così del resto ha definito la partita contro i rossoneri lodigiani la società di Gianni Sassella sul suo sito ufficiale.

La lettera

Nella lettera firmata dal presidente, la società casatese contesta diversi torti, tecnici e non solo. Due gol annullati per presunti fuorigioco che sarebbero stati invece regolari; un atteggiamento estremamente severo da parte dell’arbitro Davide Cerea di Bergamo che si sarebbe rifiutato di parlare con i dirigenti brianzoli al termine della gara; ripetuti insulti rivolti dalla tifoseria di casa ai calciatori di Tricarico. “Gradiremmo anche noi una giusta tutela e non, come successo ieri, essere considerati al cospetto del Sant’Angelo Lodigiano una squadretta di provincia da irridere”.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia