influenza 2020

“Vaccini antinfluenzali: ancora troppo pochi”: la denuncia del dem Pizzul

La denuncia del capogruppo regionale democratico Fabio Pizzul.

“Vaccini antinfluenzali: ancora troppo pochi”: la denuncia del dem Pizzul
Lodi, 30 Ottobre 2020 ore 11:22

La denuncia del capogruppo regionale democratico Fabio Pizzul.

Vaccini antinfluenzali: ancora troppo pochi

“Entro novembre saranno disponibili solo 100 vaccini antinfluenzali per medico di famiglia”, lo dice senza tema di smentita Fabio Pizzul, capogruppo regionale del Pd, e lo fa carte alla mano.

“In una circolare inviata ai medici di base di tutta la regione, c’è scritto che le prime dosi del vaccino saranno disponibili in questi giorni e saranno solo 30. Altre 20 arriveranno tra il 26 e il 31 ottobre e altre 50 dal 2 novembre in poi. Solo da metà novembre si potranno prenotare ulteriori dosi. Cifre irrisorie che non basteranno a coprire nemmeno le categorie alle quali la Regione ha dato la massima priorità: i pazienti fragili e gli over 65. Basti pensare che un medico di famiglia, in Lombardia, conta in media quasi 1400 pazienti”, spiega nel dettaglio Pizzul.

Insomma, l’ennesima dimostrazione che in Lombardia la campagna vaccinale ha gravi problemi, non entrerà nel vivo fino a metà novembre e che comunque non basterà per tutti. “Si tratta di un ritardo imperdonabile che rischia di mettere in pericolo la salute di migliaia di cittadini – incalza il capogruppo Pd –. Il sistema di vaccinazione, inoltre, macchinoso e complicato, rischia di disincentivare i cittadini a chiedere di fare l’antinfluenzale”.

Lombardia in ritardo

Non bastasse, nei giorni scorsi un servizio giornalistico ha svelato che 100mila dei 500mila vaccini dell’ultima gara effettuata in Lombardia, quelli forniti dalla società cinese Life On, non sono riconosciuti dall’agenzia italiana del farmaco e che, di conseguenza, non sarebbero utilizzabili in Italia. E poi “manca anche il vaccino pneumococcico perché la gara è andata deserta. Dovrebbe essere somministrato ai soggetti più fragili e a chi è risultato positivo al Covid e ha avuto complicanze respiratorie”, conclude sconsolato Pizzul.

Un piano per la Lombardia da 3,5 miliardi, preparato dalla Giunta Fontana. Ma per il Gruppo regionale del Pd si tratta solo di una ‘legge mancia’, fatta apposta per alcuni Comuni scelti senza bando e senza criteri di priorità, e non è in grado di rilanciare la regione. “Va cambiato, puntando sulla rete della sanità territoriale, sulla digitalizzazione e sulla scuola. Non lo abbiamo denunciato solo noi, ma anche i sindaci, la cui protesta si sta allargando a macchia d’olio”, fa sapere Fabio Pizzul, capogruppo regionale del Pd.

Il Piano è frutto di una legge regionale di maggio che autorizzava la Regione a contrarre debito per 3 miliardi di euro per opere di rilancio. Con una delibera di agosto, senza alcun bando e senza una vera istruttoria, il Piano Lombardia viene declinato in centinaia di interventi, molti dei quali di modesta entità, come il rifacimento di un marciapiede o di un parco giochi. “La Regione sta perdendo un’enorme occasione perché distribuisce più di 3 miliardi di euro senza criteri precisi e lungimiranti”, commenta il dem.

Vaccini, entro novembre ad ogni medico solo 100 dosi ciascuno

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia