Caso camici

Mozione di sfiducia a Fontana, per Baffi (Italia Viva) non è il momento

"Cambiare vertici in questo momento vorrebbe dire mettere Regione Lombardia e le nostre comunità in una situazione di grande difficoltà e insicurezza ".

Mozione di sfiducia a Fontana, per Baffi (Italia Viva) non è il momento
Lodi, 27 Luglio 2020 ore 16:28

Come abbiamo spiegato stamane, dopo la bufera scatenata dalla notizia dell’iscrizione sul registro degli indagati del governatore lombardo Attilio Fontana nel cosiddetto caso Camici, il presidente è intervenuto stamattina in Consiglio regionale ribadendo la correttezza del proprio operato. L’opposizione ha comunque  portato avanti una proposta di mozione di sfiducia. Di seguito il commento di Patrizia Baffi, consigliera regionale di Italia Viva originaria di Codogno:“La valutazione politica sulla gestione lombarda dell’emergenza sarà possibile farla solo quando avremo un quadro chiaro complessivo”

Le parole di Baffi

“Un discorso lungo e dettagliato quello tenuto oggi in apertura dei lavori d’aula dal Presidente Fontana, che ha ripercorso le fasi della gestione dell’emergenza sanitaria in Lombardia e la drammatica rincorsa per reperire tutta la strumentazione e il personale utile a salvare vite umane. Un approfondimento molto puntuale, con precisazioni, anche sulle vicende che lo coinvolgono direttamente, che avrebbe potuto e dovuto chiarire al Consiglio Regionale da subito” dichiara il Consigliere di Italia Viva, Patrizia Baffi “Da parte mia, ho deciso di non sottoscrivere la mozione di sfiducia al Presidente, proposta dal Movimento 5 Stelle, perché ritengo che sia il frutto di una elencazione di fatti ancora sommari e la cui analisi non può essere completa ed esaustiva: una analisi seria e le conseguenti valutazioni politiche su un’emergenza che è tutt’ora in corso, potremo farla solo quando avremo tutti gli elementi utili.”

Priorità? Dare risposte ai cittadini

“Oggi la priorità è dare risposte ai cittadini, cambiare vertici in questo momento in cui si scongiura una possibile seconda ondata di COVID-19 in autunno, eventualità che non possiamo per ora escludere, vorrebbe dire mettere Regione Lombardia e le nostre comunità in una situazione di grande difficoltà e insicurezza” prosegue l’esponente di Italia Viva.

“Non condivido un modus operandi fatto di processi sommari” sottolinea Patrizia Baffi “” La valutazione politica su questo difficile momento della nostra storia, sarà possibile farla solo sulla scorta dei numeri, quando avremo un quadro chiaro complessivo. Intanto dobbiamo continuare a lavorare in modo responsabile per individuare le criticità del sistema sanitario, porvi rimedio, e mettere i cittadini in condizioni di sicurezza”, conclude Patrizia Baffi.

LEGGI ANCHE: Caso camici, Fontana: “Si vuole stravolgere realtà”. I 5 Stelle: “Mozione di sfiducia”

OPPURE: Frode in forniture pubbliche e tentativo di “risarcire” il cognato: quali sono le accuse mosse a Fontana

Caso camici, Fontana: “Si vuole stravolgere realtà”. I 5 Stelle: “Mozione di sfiducia”

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia