Menu
Cerca

Assessore Buzzi chiede annullamento gemellaggi: “Nessuna lezione da Unni o dai Galli”

Milanesi di Lodi Civica: " Spero che i sindaci di Costanza e Fontainebleau non abbiano letto le dichiarazioni e se le hanno lette diano il giusto peso alle uscite bizzarre della destra nostrana."

Assessore Buzzi chiede annullamento gemellaggi: “Nessuna lezione da Unni o dai Galli”
Politica Lodi, 31 Ottobre 2018 ore 17:04

Assessore Buzzi

“Noi non accettiamo lezioni dai Galli o dagli Unni” con queste parole Stefano Buzzi, assessore comunale di Lodi alle politiche per la casa e alla protezione civile, appartenente a Fratelli d’Italia, ha resa nota la sua intenzione di presentare in consiglio comunale una mozione affinché venga annullato il gemellaggio del Comune di Lodi con Costanza e Fontainebleau.

La lettera sgradita

Le due città “gemelle” sono finite nel mirino di Buzzi per aver inviato, nei giorni scorsi, una lettera congiunta chiedendo al sindaco Sara Casanova di fare un passo indietro in merito al regolamento comunale sulle mense, sostenendo: “si inserisce in un contesto nazionale particolare, e attua in maniera molto concreta, a livello locale, un programma politico xenofobo e discriminatorio”.

La replica di Lodi Civica

Sull’argomento è intervenuto anche Francesco Milanesi di Lodi Civica:

“È davvero incredibile come l’assessore Buzzi, invece di chiedere alla Sindaco di riparare alla figura meschina che Lodi sta facendo in tutta Europa e oltre, chieda di sciogliere il gemellaggio con le due città. Spero che i sindaci di Costanza e Fontainebleau non abbiano letto le dichiarazioni e se le hanno lette diano il giusto peso alle uscite bizzarre della destra nostrana. L’assessore Buzzi parla poi di regolamento ammorbidito, quando la Sindaco è da settimane che ci dice che nessun passo indietro è stato fatto e un vice sindaco che si fa bello sostenendo che è tutto merito suo se le discriminazioni sono state superate. Se qualcuno comanda in questa giunta dica le cose come stanno e smetta di pendere in giro le famiglie, le scuole, gli uffici comunali e i lodigiani. La questione è molto seria e mi aspetto che si diano orientamenti chiari per risolvere la faccenda, ormai sfuggita di mano a questa amministrazione. Fortuna che la solidarietà e il buon senso dei lodigiani è più forte di queste logiche.”

LEGGI ANCHE: Ondata di maltempo: “Mai vista una cosa del genere in 20 anni”

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli