Amianto: Regione Lombardia delibera i criteri per i privati e stanzia 1 milione di euro

Straniero: “Ora i cittadini che sono interessati, devono solo attendere l’emanazione del bando per l’assegnazione dei contributi che, sentiti gli uffici, dovrebbe uscire verso la fine di giugno, e poi, se rientrano nei criteri, presentare domanda”.

Amianto: Regione Lombardia delibera i criteri per i privati e stanzia 1 milione di euro
Lodi, 20 Maggio 2019 ore 15:45

“Lo abbiamo chiesto e ottenuto: dopo mesi la Giunta regionale ha deliberato i criteri per l’assegnazione di contributi ai cittadini per la rimozione di coperture e di altri manufatti in cemento-amianto da edifici privati, come il nostro gruppo suggeriva da tempo. E ha stanziato un milione di euro a questo scopo, come avevamo richiesto in fase di bilancio”, è soddisfatto Raffaele Straniero, consigliere regionale del Pd, che segue da sempre la questione insieme ai colleghi del Gruppo consiliare del Pd, con interrogazioni e mozioni. L’ultima il 6 marzo scorso, dove la Giunta aveva garantito l’uscita di un bando.

Amianto: Regione Lombardia delibera i criteri per i privati e stanzia 1 milione di euro

“Ora i cittadini che sono interessati, devono solo attendere l’emanazione del bando per l’assegnazione dei contributi che, sentiti gli uffici, dovrebbe uscire verso la fine di giugno, e poi, se rientrano nei criteri, presentare domanda”, precisa Straniero. “È bene ricordare che in sei anni Regione Lombardia ha predisposto soltanto due bandi per la rimozione e lo smaltimento dell’amianto, troppo pochi se pensiamo che nella nostra regione, in base ai dati regionali del febbraio 2017, sono stati censiti quasi 5 milioni di metri cubi”, dice il consigliere dem.

Emendamenti alla legge di stabilità e al bilancio 2019

Nel frattempo, Straniero e il Pd hanno presentato anche emendamenti alla legge di stabilità e al bilancio 2019, chiedendo incrementi sostanziosi di risorse a favore di Comuni e privati. “Abbiamo ottenuto un milione, per ora, a fronte dei 3 richiesti. Uno stanziamento modesto, rispetto alla vera e propria emergenza che riguarda tutta la regione, però lo accogliamo come un bel segnale, che ci auguriamo possa essere recepito dai cittadini e successivamente rinforzato dalla Giunta con nuove risorse. Noi continueremo a insistere finché la Lombardia non sarà stata liberata dal pericoloso amianto” conclude il consigliere dem.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia