Economia
Casalpusterlengo

Strozzata dal caro energia la storica Thermal Ceramics chiede la cassa integrazione. Timori per 160 lavoratori

Nei prossimi giorni è atteso un tavolo di confronto con i sindacati per aprire la discussione verso l’eventuale firma finale di un accordo.

Strozzata dal caro energia la storica Thermal Ceramics chiede la cassa integrazione. Timori per 160 lavoratori
Economia Casalpusterlengo, 16 Ottobre 2022 ore 12:58

Il caro energia e i costi delle materie prime si abbattono sulle imprese del territorio lodigiano. La storica Thermal Ceramics Italiana Morgan Advanced Materials, di Casalpusterlengo, leader nella produzione di materiali refrattari isolanti ha avanzato nei giorni scorsi la richiesta di apertura della cassa integrazione ai sindacati. Sono giorni di attesa complicati per 160 lavoratori.

Thermal Ceramics verso la cassa integrazione

Nei prossimi giorni è atteso un tavolo di confronto per aprire la discussione verso l’eventuale firma finale di un accordo. Gli insostenibili aumenti del settore energetico rischiano di essere pesanti tegole per 160 dipendenti che attendono di capire quale sarà il loro futuro prossimo. Già negli scorsi mesi la produzione era stata rallentata con lo spegnimento di un forno su tre, ma sembra che la prospettiva sia quella di fermare anche gli altri due impianti progressivamente, per poi dare inizio a un periodo di cassa integrazione fino alla prossima primavera, queste le voci che si rincorrono fra i lavoratori.

La risposta dei sindacati

Il segretario provinciale Filctem, Emanuele Caravello, ammette che la richiesta di cassa integrazione è regolarmente arrivata sulla Pec del sindacato. Ma non sarebbe la prima volta che l'azienda rende note alle organizzazioni sindacali le problematiche relative ai prezzi aumentati e ai costi derivanti dal caro energia. Da settembre è scaduto il contratto di fornitura del gas e il prezzo sarebbe schizzato. Insomma le commesse non mancano, ma per soddisfarle le spese vanno alle stelle.

I sindacati per ora non si sbilanciano circa la soluzione che si intende intraprendere. Dal canto loro i lavoratori auspicano che si tratti di un intervento temporaneo, proprio in virtù del fatto che le richieste ci sono: il problema è soddisfarle a queste condizioni senza andare in perdita.

Seguici sui nostri canali