Grandine nel Milanese: in Martesana flagellati ortaggi e fragole

Coltivazioni flaggellate tra Melegnano e Melzo, passando per Mediglia e Paullo.

Grandine nel Milanese: in Martesana flagellati ortaggi e fragole
13 Aprile 2018 ore 13:51

Grandine nel Milanese: flaggellati ortaggi e fragole tra Melegnano e Melzo, passando per Mediglia e Paullo.

Grandine nel Milanese

Colpiti ortaggi, fragole, foraggi e cereali. Sale la conta dei danni dell’ultima grandinata che dopo aver colpito il Pavese si è abbattuta anche sulla fascia sudest milanese, tra Melegnano e Melzo, passando per Mediglia e Paullo. E’ quanto emerge da una rilevazione della Coldiretti di Milano, Lodi e Monza Brianza sulla base delle segnalazioni che stanno arrivando in queste ore dalle aziende agricole finite sotto la tempesta di ghiaccio, che è durata una decina di minuti e ha lasciato su campi e strade un manto bianco spesso alcuni centimetri.

Parla un agricoltore di Cassano

“Purtroppo la grandine ci ha preso in pieno – racconta Giorgio Scotti, orticoltore di Mediglia – In questi giorni nell’area colpita stavamo coltivando soprattutto erbette, insalata e spinaci: tutto quello che c’era in pieno campo è stato rovinato. Parliamo di almeno una decina di ettari, adesso verificheremo bene, ma il danno è grande”. “La grandinata ha macinato tutti i piselli, ma ha creato problemi anche alle altre colture in campo – spiega Davide Baioni, agricoltore di Cassano d’Adda -. I chicchi hanno centrato due ettari su cui stavano crescendo anche erbette, spinaci e aglio: hanno buttato giù tutto”.

Altra testimonianza da Cassina de’ Pecchi

Non è andata meglio alla frutta in pieno campo:

“Sono circa cinque gli ettari colpiti dalla grandine – dice Guglielmo Stagno D’Alcontres, coltivatore di Cassina de’ Pecchi -. Si tratta soprattutto di fragole: le piantine sono state spezzate. I fiori, per fortuna, erano ancora pochi, perché quelli che c’erano sono stati spazzati via”.

Nelle aziende coinvolte dalla violenta precipitazione la conta dei danni è ancora in corso – spiega la Coldiretti – ma per quanto riguarda i cereali il danno dovrebbe riguardare il 5-10 per cento delle coltivazioni sui campi colpiti.

E ancora dalle sponde dell’Adda

“Semine in ritardo e piantine ancora basse hanno evitato danni peggiori. Ma ad esempio, il primo taglio di erba è stato compromesso per almeno il 40 per cento – spiega Alessandro Rota, imprenditore agricolo di Cassano d’Adda e presidente della Coldiretti di Milano, Lodi e Monza Brianza -. Prati e loietto sono stati presi in pieno. Per quanto riguarda i cereali, si tratta soprattutto di danni da stress: se la stagione migliora, le piante potranno riprendersi”.

Il clima pazzo di questo 2018 sta creando molti problemi in tutto il Milanese: dopo i ritardi della semina dovuti alle piogge insistenti, che hanno allungato la coda dell’inverno, il timore degli agricoltori è proprio per le grandinate che potrebbero compromettere ulteriormente le produzioni.

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia