Volontari della Caritas chiusi in uno sgabuzzino da un senegalese

Aveva già precedenti, ora è scattata la denuncia.

Volontari della Caritas chiusi in uno sgabuzzino da un senegalese
Lodi, 14 Agosto 2018 ore 17:07

Volontari Caritas chiuso in uno sgabuzzino da un senegalese senza fissa dimora, a Lodi.

Volontari Caritas

Un senegalese senza fissa dimora è stato accusato di violenza privata e minacce dopo aver minacciato e chiuso a chiave in uno sgabuzzino due volontari della Caritas diocesana che, a causa del suo comportamento, si erano rifiutati di servirgli il pasto alla mensa dei poveri.

La Questura di Lodi

La Questura di Lodi ha denunciato un senegalese di 44 anni. L’uomo era già stato sospeso temporaneamente dal servizio mensa dai responsabili per precedenti episodi. L’uomo risulta avere precedenti di polizia, è senza fissa dimora e ha a suo carico anche un ordine di espulsione dal territorio italiano.

Liberati

La polizia ha prontamente liberato i volontari e portato in Questura, fotosegnalato e denunciato il responsabile.

Rimandata la Cena in Bianco di Ferragosto

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia