Vanno dal veterinario e scoprono che qualcuno ha strappato le unghie del loro gatto

Camillo è stato torturato senza motivo, solo per il gusto di farlo.

Vanno dal veterinario e scoprono che qualcuno ha strappato le unghie del loro gatto
Lodi, 16 Luglio 2019 ore 10:50

Qualcuno ha strappato le unghie del loro gatto: verrebbe da dire “cose dell’altro mondo”, invece è proprio questo mondo qui, quello lodigiano. Questa sconcertante violenza si è infatti svolta in zona San Gualtero.

Qualcuno ha strappato le unghie del loro gatto

Probabilmente i padroni di Camillo si sono preoccupati vedendolo dolorante, mogio e spento. Probabilmente, come farebbe qualunque persona che vuole bene al proprio animale domestico, hanno pensato che potesse avere qualcosa di grave, o anche meno grave ma comunque da curare. Così si sono recati dal veterinario di fiducia per venire a capo del problema. Mai si sarebbero aspettati il raccapricciante verdetto pronunciato dal medico: qualcuno ha strappato le unghie del loro gatto, del loro amato Camillo.

Qualcuno, volutamente, lo ha preso e torturato senza motivo alcuno, solo per il gusto di farlo.

A Camillo mancano nove unghie su dieci delle zampe posteriori e tale mancanza, secondo il veterinario, può essere dovuta solo all’atto doloso di qualcuno.

Le dichiarazioni dei padroni di Camillo

“Io e mia moglie abbiamo deciso di affiggere il cartello al nostro cancellino per raccontare ai vicini cosa è successo, perché qui tanti hanno animali domestici, e a questo punto bisogna stare attenti, visto che c’è qualcuno capace di compiere atti di questo tipo”.

Un gesto coraggioso di denuncia, quello dei proprietari del gatto torturato: utile affinché atti del genere non si ripetano. Nonostante il maltrattamento degli animali sia punito penalmente dalla legge, sempre troppo spesso si leggono di violenze nei confronti di innocenti esseri viventi, la cui unica colpa è solo quella di fidarsi delle persone sbagliate.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia