Vandali lanciano pietre contro il Presepe, “lapidata” la statuina di Gesù bambino

La statua è stata ritrovata con la testa staccata in un prato poco lontano. 

Vandali lanciano pietre contro il Presepe, “lapidata” la statuina di Gesù bambino
Lodi, 03 Gennaio 2020 ore 14:52

La statua è stata ritrovata con la testa staccata in un prato poco lontano.

Presepe preso a sassate

La statuetta di Gesù bambino è stata ritrovata con la testa staccata in uno dei campi vicino al sottopasso della Bassiana. La statuetta era scomparsa il primo gennaio 2020 dal Presepe disposto in Villa Braila dall’associazione La Braila, che si occupa annualmente della gestione del presepe nel parco.

Statuetta rapita e decapitata

Probabilmente la “goliardata” è stata fatta la notte di Capodanno, durante i festeggiamenti per l’arrivo dell’anno nuovo, lontano da occhi e orecchie indiscrete. Quelli che per ora sono anonimi vandali hanno tirato sassi e pietre contro il Presepe allestito nei giardini della villa, all’angolo tra via Zalli e Viale Italia. Poi hanno rubato la statuetta a sfregio di chi con amore si occupa di quel Presepe e di tutti i cittadini, decapitandola e lasciandola abbandonata in un prato.

Dopo essere stato ritrovato da un passante, il Gesù Bambino è stato consegnato all’associazione La Braila, che denunciato il fatto sui social.

Gesti diffusi in tutta la Lombardia

Purtroppo, atti simili, che vanno a danneggiare Presepi volendo distruggere la figura di Gesù bambino, nei giorni scorsi se ne sono realizzati anche in altre province.

Basti pensare alle vicine Province di Mantova e Brescia dove, nella prima, il bambolotto di Gesù bambino è stato smembrato e appeso in piazza e, nella seconda, buttato nella pattumiera.

Gesti inspiegabili, che hanno una violenza tanto forte da ferire fedeli e cittadini.

LEGGI ANCHE: Impiccano in piazza il bambolotto di Gesù bambino: 16enni identificati

Buttano Gesù Bambino nel cestino dei rifiuti

TORNA ALLA HOME

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia