Menu
Cerca
accoltellato al torace

Tentato omicidio per motivi sentimentali, 33enne in fin di vita

Scattate le manette per l'aggressore, un 41enne di Milano.

Cronaca Alto Lodigiano, 02 Marzo 2021 ore 11:22

Il tentato omicidio si è consumato nella giornata di ieri, 1 marzo 2021: alla base della furia dell’uomo probabilmente c’è stata una probabile lite per motivi sentimentali.

Fermato per omicidio un 41enne

Nella nottata del 02 marzo 2021 a Milano i Carabinieri della Sezione Operativa del N.O.R.M. della Compagnia di San Donato Milanese, hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto, per il reato di tentato omicidio, un 41enne italiano residente a Milano, con precedenti di polizia.

La segnalazione dell’accoltellamento

Prima del fermo i militari, su attivazione del 118, sono intervenuti verso le 19:30 del 1 marzo a San Giuliano Milanese presso l’abitazione di un 33enne italiano, con precedenti di polizia, che era stato rinvenuto dal padre nel proprio letto, cosciente ma con una grave ferita d’arma da taglio al torace.

Il giovane è stato immediatamente trasportato d’urgenza all’ospedale Niguarda di Milano dove è stato riscontrato essere affetto da una “ferita d’arma da taglio nella parte sinistra del torace con lacerazione della parete anteriore del ventricolo destro”. Al suo arrivo è poi stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico al termine del quale è stato ricoverato in terapia intensiva, dove versa tuttora in pericolo di vita.

Subito iniziate le indagini

Le tempestive attività investigative, che hanno preso vita immediatamente dopo la segnalazione del 118, hanno consentito di ricostruire che la vittima era stata aggredita verso le ore 15:00 di ieri all’interno dell’abitazione del 41enne fermato, con il quale intratteneva una relazione, al culmine di una lite scaturita per motivi sentimentali.

Trovata la possibile arma dell’aggressione

Nel corso del sopralluogo, effettuato dal personale della Sezione Rilievi del Comando Provinciale di Milano, all’interno dell’appartamento dell’aggressore sono stati trovati e sottoposti a sequestro un piumone, alcuni asciugamani intrisi di sangue e un coltello da cucina di grosse dimensioni trovato all’interno della lavastoviglie e verosimilmente utilizzato come arma del delitto.

In carcere

Il fermato al termine delle formalità di rito, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Milano San Vittore, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli