Strage di Erba Le Iene mettono in dubbio le prove. Pioggia di insulti sui social

Servizio shock ieri sera in onda su Italia Uno.

Strage di Erba Le Iene mettono in dubbio le prove. Pioggia di insulti sui social
Lodi, 01 Ottobre 2018 ore 16:34

Le Iene mettono in dubbio le prove sulla colpevolezza di Rosa e Olindo: pioggia di insulti sui social.

Il servizio

Il servizio, mandato in onda ieri sera durante la trasmissione Le Iene su Italia Uno, ha sollevato un polverone. Azouz Marzouk (ex marito di Raffaella) che ha a lungo vissuto a Lecco e che nella strage aveva perso anche il piccolo Youssef l’11 dicembre del 2006, è stato raggiunto in Tunisia dalle telecamere di Mediaset.  Come riporta il giornaledicomo.it davanti all’inviato de Le Iene Antonino Monteleone, Azouz dice di non credere alla verità processuale e di avere ancora forti dubbi sulla ricostruzione processuale della Strage di Erba.

Le parole shock di Azouz

“Voglio far riaprire il caso, Rosa e Olindo non c’entrano niente”. Secondo il tunisino, dunque, Rosa e Olindo non c’entrano niente. Le Iene hanno ricostruito una delle tragedie più terribili della storia d’Italia anche attraverso filmati crudi con video all’interno dell’appartamento di via Diaz, dove si è consumato il massacro.  Non è stato risparmiato nemmeno il piccolo Youssef. Un giornalista ha riferito della morte di Raffaella Castagna, Paola Galli e Valeria Cherubini, oltre che del bimbo.

Le piste

Marzouk ha detto di non essere convinto della ricostruzione e Le Iene hanno rispolverato le vecchie piste legate al coinvolgimento del tunisino nel mondo della droga

LEGGI TUTTI I PARTICOLARI  GLI APPROFONDIMENTI SUL GIORNALE DI COMO

Strage di Erba: Rosa Bazzi lavora in una cooperativa sociale in carcere

Strage Erba la Cassazione dice no alla riapertura del caso

Strage di Erba morto Carlo Castagna

Strage Erba la Corte d’Appello decide di non riaprire il caso

Funerale Carlo Castagna Erba abbraccia un uomo buono

Olindo e Rosa tornano in aula

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia