Cronaca
Guardamiglio

Sorpresi a rubare cavi di rame e pluviali: due uomini arrestati

Hanno 49 e 25 anni: dovranno rispondere di furto aggravato in concorso.

Sorpresi a rubare cavi di rame e pluviali: due uomini arrestati
Cronaca Basso Lodigiano, 05 Settembre 2022 ore 16:32

Sorpresi a rubare cavi di rame e pluviali all'interno del sito industriale della ISEA di Guardamiglio: due uomini arrestati dai Carabinieri di Codogno.

Rubano cavi di rame e pluviali

Ieri 4 settembre 2022, pomeriggio domenicale, approfittando della calma che avvolge la zona industriale di Guardamiglio con le aziende quasi tutte chiuse e lontano da occhi indiscreti, due uomini forzano il cancello d’ingresso del sito industriale, attualmente non in funzione, della società ISEA (Società Italiana Energia Ambiente) e, attrezzati di cesoie, tagliano cavi in rame che alimentano l’impianto elettrico del sito nonché alcuni pluviali in rame.

Nel corso dei servizi di prevenzione tesi a contrastare il fenomeno predatorio in abitazioni e siti produttivi che nelle giornate festive restano isolati, i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Codogno hanno sorpreso due uomini - un 49enne ed un 25enne residenti a San Rocco al Porto - mentre si apprestavano a portare via dal sito industriale di Guardamiglio della ISEA svariati metri di cavi elettrici e pluviali in rame che, con delle cesoie rinvenute in loro possesso, erano stati tagliati poco prima.

Uno tenta la fuga

La refurtiva che stavano tentando di asportare era stata caricata su un carrello che in modo rudimentale avevano agganciato ad una bicicletta. I due sono stati sorpresi proprio mentre uscivano dal sito industriale e alla vista dei carabinieri il 49enne ha tentato di darsi alla fuga ma è stato raggiunto e fermato da uno dei militari.

Arrestati

La refurtiva è stata recuperata e i due presunti autori, tratti in arresto, dovranno rispondere di furto aggravato in concorso. Nel giudizio direttissimo che si è tenuto nella mattinata odierna, gli arresti sono stati convalidati ed i due sono stati sottoposti all’obbligo di firma.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter