Area in posizione strategica

Riqualificazione ex Consorzio Agrario: “Un’opportunità unica per la città di Lodi”

Presentato l'intervento per la rifunzionalizzazione di un'area attualmente dismessa.

Riqualificazione ex Consorzio Agrario: “Un’opportunità unica per la città di Lodi”
Lodi, 18 Luglio 2020 ore 10:56

Riqualificazione ex Consorzio Agrario, Sindaco Casanova: “Un’opportunità unica per la città di Lodi”.

Riqualificazione ex Consorzio Agrario

Presentato alle Associazioni di categoria il Programma integrato d’intervento “Ex Consorzio agrario” che permetterà al Comune di Lodi di procedere alla completa riqualificazione e rifunzionalizzazione di un’area attualmente dismessa che si trova in una posizione strategica della città, adiacente alla stazione ferroviaria e al terminal bus e in prossimità del centro storico.

Il piano deve ancora essere sottoposto al Consiglio comunale per l’adozione e l’approvazione, ma la Giunta ha ritenuto importante cominciare ad illustrarne le potenzialità ai cittadini, innanzitutto con una conferenza stampa in cui è stato spiegato come cambierà il ruolo del grande complesso dell’ex Consorzio all’interno del tessuto urbano e quali saranno le ricadute positive in termini di rafforzamento dell’offerta commerciale e dei servizi, miglioramento della mobilità e riqualificazione del verde.

“Vogliamo dialogare, in questa occasione, con le Associazioni di categoria per ascoltare le loro aspettative e rassicurare i rappresentanti delle attività economiche cittadine su alcune perplessità emerse in quest’ultimo periodo”, a parlare è il Sindaco di Lodi, Sara Casanova.

“Mi riferisco in particolare ai timori relativi agli effetti che produrrà la concorrenza di una media struttura di vendita sui piccoli negozi di vicinato. Siamo convinti che la coesistenza tra queste realtà sia possibile e che anzi sia già attuale. Pensiamo alla Coop o al Conad, supermercati che convivono tranquillamente con le attività commerciali circostanti, senza confliggere con le peculiarità di queste ultime, perchè soddisfano la domanda di consumatori con esigenze diversificate.”

“I vantaggi che il piano offre, d’altro canto, sono significativi, a partire dalle nuove assunzioni (ne sono previste circa una cinquantina) e dal corposo indotto lavorativo. E’ ovvio l’impegno dell’Amministrazione relativamente alla promozione delle nostre imprese che sul territorio sono numerose e certamente qualificate a supportare tutte le esigenze delle nuova struttura di vendita”.

“Aggiungo che il P.I.I. Ex Consorzio comporterà la completa revisione del sistema viabilistico della zona (Viale Trento e Trieste, Viale Dante, Viale Agnelli, Viale Vignati, Piazzale Medaglie d’Oro, etc.), con ricadute positive in termini di disponibilità di parcheggi in zona stazione (ne verranno creati oltre 70 a disposizione dei cittadini e oltre 160 regolamentati) e di fluidità della circolazione veicolare, oltre che la soluzione alle criticità che nella zona si trascinano da decenni, come gli ingorghi provocati dall’incolonnamento dei bus che avranno finalmente a disposizione nuovi percorsi e un nuovo terminal. Abbiamo riservato un occhio di particolare riguardo anche alla mobilità sostenibile e all’ambiente, chiedendo all’operatore la definizione di percorsi ciclopedonali, per garantire nuovi collegamenti sicuri all’interno del comparto, e la realizzazione di consistenti opere di piantumazione.

Nel complesso la città otterrà da questo piano risorse per un valore stimato di 4.300.000 euro tra opere di urbanizzazione e monetizzazioni che entreranno nelle casse del Comune per essere erogate sotto forma di servizi ai cittadini.

Quella che ci si prospetta credo sia una occasione unica per intervenire su un’area degradata da tempo nel cuore della nostra città, una ferita aperta che abbiamo la possibilità di ricucire offrendo nuove opportunità di lavoro, nuovi servizi e nuove infrastrutture ai lodigiani”.

(Foto di copertina: asvicom.lodi)

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia