Manifestazione nazionale

Protesta degli agricoltori, presidio con 250 trattori al casello di Melegnano per cinque giorni

La contestazione organizzata dal movimento Riscatto Agricolo: "Vogliamo un’agricoltura italiana rispettata, capita e valorizzata"

Pubblicato:
Aggiornato:

C'è anche Melegnano, Comune a cavallo tra le province di Milano e Lodi, tra i luoghi centrali della protesta degli agricoltori italiani che ha avuto inizio dalla giornata di ieri, martedì 30 gennaio 2024, organizzata dal movimento Riscatto Agricolo in diverse aree della nostra Penisola. 250 trattori, provenienti da svariati Comuni delle province di Milano, Lodi e Pavia, si sono radunati al casello autostradale Barriera Milano Sud per portare avanti una contestazione che durerà almeno cinque giorni.

Protesta agricoltori, 250 trattori al casello di Melegnano

Alla stessa maniera di ciò che da giorni si sta verificando in Germania e in Francia, anche nel nostro Stivale ha preso piede da ieri, martedì 30 gennaio 2024, la manifestazione di protesta degli agricoltori italiani. Le ragioni degli svariati presidi dei trattori che si stanno svolgendo da Nord a Sud della Penisola sono state racchiuse in un decalogo stilato da Riscatto Agricolo, movimento che sta tenendo le fila di ogni singolo corteo. Qui di seguito, ecco i motivi della "protesta apolitica, nel pieno rispetto della legalità":

  • Riprogrammazione Green Deal
  • Importazioni vietate da Paesi che non rispettano i regolamenti fitosanitari e produttivi
  • Abolizione immediata dei vincoli e incentivi per non coltivare terreni
  • Detassazione agricola (IRPEF-IMU)
  • Agevolazioni per carburante agricolo
  • NO ai cibi sintetici
  • Riforma Aliquota IVA applicata (massimo al 10%)
  • Fauna selvatica: più politiche di sostegno

L'appuntamento, come detto, è stato dato a partire dalle 9 di ieri mattina in un totale di 14 diversi punti di presidio su caselli e porti italiani. La manifestazione di protesta degli agricoltori sta infatti coinvolgendo Brescia, Bergamo, Alto lago di Como-Valtellina, Mantova, Voghera, Navacchio (Pisa), Val di Chiana, il casello di Orte sull'A1, Valle del Salto, Orvieto, Olbia, Cagliari e Oristano Porto.

"Chiediamo con forza che venga corrisposto il giusto valore dei nostri prodotti. Vogliamo un’agricoltura italiana rispettata, capita, valorizzata - scrivono i rappresentanti di Riscatto Agricolo nel manifesto del coordinamento nazionale - Oggi la maggior parte dei frutti del nostro lavoro è sottopagato, i ricavi sono abbondantemente inferiori ai costi di produzione e questo, purtroppo, perdura da decenni: non vogliamo contributi, chiediamo solo dignità del giusto prezzo. Ci teniamo a specificare che non è un iniziativa che sposa il C.R.A - sottolineano gli organizzatori - non abbiamo politica tanto meno associazioni di categoria, ci riuniremo tutti sotto la bandiera italiana".

Tra i luoghi centrali della contestazione, però, c'è anche Melegnano e in particolare il casello autostradale Barriera Milano Sud dell'A1. Nel primo giorno di presidio si sono infatti radunati 250 trattori provenienti da diversi Comuni del nostro territorio, ma anche da Milano e Pavia.

Se in mattinata gli agricoltori erano rimasti fermi in uno spazio verde nei pressi dei caselli, nel pomeriggio i 250 mezzi si sono messi in marcia sulla provinciale Binasca e sulla via Emilia, bloccando di fatto le provinciali e un tratto di autostrada. La protesta del movimento Riscatto Agricolo, tuttavia, non si è fermata solo alla giornata di ieri. Anche oggi, mercoledì 31 gennaio 2024, e per i prossimi tre giorni, gli agricoltori manifesteranno alla stessa maniera.

Nella giornata odierna, a breve distanza dal casello dell’A1, circa 200 agricoltori hanno bloccato la Binasca con i loro mezzi per circa un’ora e lo ripeteranno mandando in tilt la circolazione, per poi rientrare nel presidio a bordo strada.

"Abbiamo deciso di stare qui per almeno i prossimi quattro giorni" ha spiegato Emanuele Parapini, uno degli organizzatori dell'iniziativa a Melegnano. Per la notte, addirittura, è stato allestito un campo di fortuna, in un'area adiacente al casello dove, in oltre 100, dopo aver cenato sul posto, vegliano e riposano a turni.

Qui di seguito ecco una fotogallery del presidio di protesta degli agricoltori al casello autostradale di Melegnano.

424860953_791586849675869_4630864857888692444_n
Foto 1 di 9
424591689_791584579676096_2498276028871829949_n
Foto 2 di 9
424576426_24970001422590827_796136016684801719_n
Foto 3 di 9
423328227_24970000185924284_387673800229157761_n
Foto 4 di 9
423313086_24970000562590913_6637597398918343011_n
Foto 5 di 9
423312769_24970002232590746_4645020552889434354_n
Foto 6 di 9
422864289_24970003619257274_1379138650984567499_n
Foto 7 di 9
417513464_791946846306536_3675902977894511184_n
Foto 8 di 9
417444332_791946832973204_4574720202194274172_n
Foto 9 di 9

Nel frattempo, dalle 14,30 di questo pomeriggio, mercoledì 31 gennaio 2024, un corteo di 20 trattori ha sfilato per le strade interne del Comune di Melegnano. a dare il via libera è stato dal sindaco Vito Bellomo che questa mattina ha presenziato al presidio degli agricoltori:

"Ho autorizzato il corteo insieme alla Questura, dopo un confronto con i rappresentanti della manifestazione che mi hanno assicurato che sarà del tutto pacifico e con il minor disagio possibile per i cittadini".

I 20 trattori sono transitati per via Vittorio Veneto, via Marconi, via Roma, piazza Risorgimento, via Frisi, via Dezza, via Cesare Battisti e poi in uscita sulla via Emilia.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali