Prostituta uccisa a Lodi condanna esemplare per quelle 189 coltellate

Condannato a 30 anni di reclusione il 43enne che un anno fa uccise a coltellate una prostituta che gli aveva negato 20 euro di sconto.

Prostituta uccisa a Lodi condanna esemplare per quelle 189 coltellate
Lodi, 06 Febbraio 2018 ore 16:47

La prostituta uccisa a Lodi nel 2017 ha avuto giustizia, condannato il 43enne che le ha inferto 189 coltellate per pochi euro di sconto negati.

La prostituta uccisa a coltellate per uno sconto negato

Si prostituiva per mantenere i figli la donna uccisa a Lodi lo scorso anno in seguito a uno sconto non concesso ad un cliente. La colombiana 62enne è stata massacrata da Matteo Dendena, 43enne lodigiano, il 9 aprile dello scorso anno. Il motivo? Un mancato sconto di 20 euro che la donna non intendeva concedergli.

Una condanna severa per 189 coltellate

Il gip del tribunale di Lodi Isabella Ciriaco ha assegnato il massimo della pena all’omicida, mediante rito abbreviato. L’uomo è separato, padre di due bambini e disoccupato. Ad alterare ulteriormente il suo stato, la tragica notte in cui la colombiana è andata incontro a una morte violenta, è stata la cocaina di cui l’omicida ha abusato prima di recarsi dalla prostituta. Il medico legale ha contato 189 coltellate sul corpo della 62enne, motivo per il quale il giudice ha riconosciuto le aggravanti dell’efferatezza e della premeditazione, avendo Dendena il coltello già in tasca.

Negata la perizia psichiatrica

Dendena è detenuto presso il carcere di Lodi dal 10 aprile scorso. A nulla è servita la richiesta del suo legale di una perizia psichiatrica, che è stata negata. Il giudice ha anche riconosciuto una provvisionale di 200mila euro a testa, a titolo di risarcimento, ai due figli della vittima, che sono rappresentati dall’avvocato Fabio Daprati.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia