Cronaca
Lodi

Per mesi perseguita la ex con minacce e ingiurie: ammonito 23enne

Emessi anche un foglio di via obbligatorio e un avviso orale nei confronti di un 25enne e di un 50enne.

Per mesi perseguita la ex con minacce e ingiurie: ammonito 23enne
Cronaca Lodi, 26 Agosto 2022 ore 16:21

Un ragazzo di 23 anni ammonito dal Questore di Lodi per essersi reso responsabile di atti intimidatori nei confronti della ex fidanzata.

La mazza da baseball e il coltello da cucina

Il Questore di Lodi nei giorni scorsi ha emesso, su proposta dell'Arma dei Carabinieri un foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel comune di Casalpusterlengo per 3 anni nei confronti di un venticinquenne gravato da precedenti penali e di polizia, residente in questa provincia.

Il medesimo, è stato controllato dai militari a bordo di una autovettura, ferma all'interno di un parcheggio pubblico in ore notturne. A seguito di una ispezione veicolare sono stati rinvenuti nel bagagliaio degli oggetti atti ad offendere quali una mazza da baseball in acciaio e un coltello da cucina, che venivano posti sotto sequestro. L'interessato è stato denunciato in stato di libertà alla Autorità Giudiziaria per porto di armi ed oggetti atti ad offendere.

Omissione di soccorso

Inoltre, è stato emesso un Avviso Orale nei confronti di un cinquantenne residente a Lodi; il medesimo, pochi giorni or sono, a causa di manovre azzardate alla guida della sua autovettura, si è reso responsabile di un incidente stradale che ha provocato lesioni ad un passante, giudicate guaribili in dieci giorni. Lo stesso si è quindi allontanato senza prestargli soccorso. L'uomo, dopo essere stato identificato è stato denunciato all'Autorità Giudiziaria per i reati di lesioni ed omissione di soccorso.

Atti persecutori

Nell'ambito del contrasto del grave fenomeno della violenza di genere, tematica purtroppo anche recentemente assurta agli onori della cronaca nazionale per tragici fatti ad esso connessi, il Questore di Lodi ha emesso un provvedimento di "ammonimento" nei confronti di un ventitreenne residente in questa provincia: lo stesso, dal termine della sua relazione sentimentale con una donna (avvenuta circa tre mesi or sono) si è reso responsabile di una serie di atti persecutori perpetrati ai danni della sua "ex", consistiti in ripetute telefonate e messaggi, dapprima finalizzati a riprendere la relazione di cui sopra e successivamente, visto che ciò non aveva sortito l'effetto sperato, dal tenore ingiurioso, scurrile e denigratorio.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter