Ousseynou Sy dice di sentire le voci dei bambini morti, ma il giudice non gli crede

Resta in carcere a San Vittore il responsabile dell'autobus sequestrato (e dato alle fiamme) in zona San Donato pochi giorni fa.

Ousseynou Sy dice di sentire le voci dei bambini morti, ma il giudice non gli crede
Lodi, 25 Marzo 2019 ore 08:53

Sy resta in carcere, nel reparto protetto di San Vittore. Stando al rapporto del giudice l’uomo avrebbe cercato di giocare la carte della fragilità psichica.

Ousseynou Sy

Ousseynou Sy, l’autista che quattro giorni fa ha sequestrato uno scuolabus con 51 bambini e poi lo ha incendiato, resta a San Vittore. I giudici hanno notato come fosse lucida la sua ricostruzione dei fatti alla quale, ogni tanto, venivano aggiunti dei particolari nel tentativo di apparire mentalmente squilibrato.

Le presunte voci di bambini

Inizialmente Sy non ha mai parlato di voci, successivamente, scrivono i giudici: “Ha tentato di fornire un quadro in qualche misura viziato da una sorta di pregiudizio di natura psichica”.  Dichiarando di non dormire quasi mai a causa delle voci di bambini morti che si rincorrerebbero nella sua testa.

La foto di Di Maio

Una volta sull’autobus mi si è presentato un bambino che mi ha chiesto di portare l’autobus a Linate, ha detto Sy, mostrando al giudice una foto in cui è raffigurato il vicepremier Di Maio, che viene presentato dall’indagato come la foto di un bambino morto.

LEGGI ANCHE: Sy, poco conosciuto ma rispettato dai colleghi

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia