L'ultimo saluto a Luisa nell'oratorio dove allenava la squadra di calcio

Il suo cuore era bianconero e adorava lo sport del calcio tanto da diventare allenatrice.

L'ultimo saluto a Luisa nell'oratorio dove allenava la squadra di calcio
Lodi, 04 Dicembre 2019 ore 09:36

Sant'Angelo è ancora in lutto per la morte di Luisa Gheorghe, la 16enne deceduta i giorni scorsi durante un terribile incidente stradale che ha visto coinvolta anche la sorella minore e due amici.

Luisa amava il calcio e seguiva la squadra dell'oratorio di Sant'Angelo

Luisa, originaria della Romania ma da sempre residente a Sant'Angelo, frequentava il primo anno dell'istituto Clerici ad indirizzo ristorazione, ma era anche molto impegnata nel volontariato. Ormai da circa tre anni era aiuto allenatrice, insieme alla sorella minore Fiorella, della squadra di calcio oratoriana del San Rocco 80: accompagnava i bambini alle partite di calcio e li seguiva durante gli allenamenti. Questo sport infatti era da sempre la sua passione e il suo cuore bianconero batteva solo per la Juventus.

Don Angelo Manfredi la vuole ricordare

L'intenzione di Don Angelo Manfredi, prete dell'oratorio di San Rocco, è quella di organizzare una veglia per ricordare la dolce Luisa, volendo coinvolgere tutti coloro che l'hanno conosciuta e le hanno voluto bene, dai suoi compagni di classe, gli amici di sempre ai bambini e le famiglie di cui si è occupata in questi anni.

I funerali dovrebbero essere tenuti venerdì in Romania, dove la salma giungerà nelle prossime ore.

LEGGI ANCHE: E’ Luisa Gheorghe la vittima dell’incidente di Casaletto, aveva solo 16 anni

TORNA ALLA HOME