Forza un posto di blocco, fugge, si tuffa nell’Adda e gli Agenti lo devono salvare

Il 29enne, senza patente, è risultato essere sotto l'effetto di cocaina.

Forza un posto di blocco, fugge, si tuffa nell’Adda e gli Agenti lo devono salvare
Cronaca Crema, 28 Ottobre 2019 ore 11:46

Una vicenda che ha dell’incredibile, una storia che mischia un po’ di cocaina, una fuga, un tuffo nell’Adda e un salvataggio.

La vicenda

Nel pomeriggio di sabato 26 ottobre 2019 un uomo di 29 anni di origine marocchina residente a San Giuliano Milanese ha seminato il panico tra il cremasco e il lodigiano, causando il ferimento di due agenti.

Partito da Pandino (Cr) il 29enne ha forzato un posto di blocco nel primo pomeriggio e ha proseguito la sua corsa procedendo in contromano per alcune vie della zona pur di non farsi prendere dagli Agenti, imboccando poi il ponte dell’Adda. Durante l’inseguimento il 29enne ha improvvisamente fermato l’auto provocando un tamponamento con l’auto della polizia che lo seguiva poco distante, è sceso dalla vettura e ha proseguito a piedi la sua folle fuga lanciandosi poco dopo nella piena dell’Adda.

Il soccorso e l’arresto

Uno dei poliziotti che stava eseguendo l’inseguimento si è prontamente tuffato nel fiume per soccorrere il fuggitivo, evidentemente in difficoltà, riuscendo a trasportarlo a riva dove li attendeva il collega. I due agenti hanno praticato il massaggio cardiaco e la respirazione bocca a bocca al 29enne che aveva ingoiato molta acqua nei minuti trascorsi “a mollo”. Dopo essere stato messo in sicurezza l’uomo, che con sè non aveva documenti, è stato identificato risultando essere un pregiudicato senza patente. Eseguiti esami appositi sulle sostanze stupefacenti il 29enne è risultato essere positivo alla cocaina.

Il fuggitivo è stato pertanto arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e fuga dopo incidente con feriti.

Due bravi agenti

Ammirevole il comportamento dei due agenti che hanno effettuato dapprima l’inseguimento, poi il recupero e infine la rianimazione del pregiudicato.  I due infatti, formati per manovre rianimatorie, dopo aver salvato e messo in sicurezza il 29enne sono stati a loro volta sottoposti a cure mediche per le ferite arrecate dall’incidente avuto poco prima con l’auto dell’arrestato.

LEGGI ANCHE: Grave schianto sull’A1, 72enne si ribalta fuori strada e finisce nel fossato

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli