La denuncia di Legambiente LodiVerde

Esche avvelenate al Parco Adda, un pericolo per animali e bambini

Trovate diverse esche nel parco, probabilmente gettate per eliminare topi selvatici.

Esche avvelenate al Parco Adda, un pericolo per animali e bambini
Cronaca Lodi, 02 Dicembre 2020 ore 14:38

Nella giornata di oggi, 2 dicembre 2020, è arrivata alla redazione di Prima Lodi una lettera d’allarme sottoscritta da Sara Cippitelli, Sara Roverso, Andrea Poggio del Circolo Legambiente LodiVerde, che denunciano la presenza di esche avvelenate nel Parco Adda, un vero e proprio problema.

Le esche, probabilmente gettate nel verde per eliminare topi selvatici, rappresentano un grande rischio per tutti, dagli animali domestici, ai bambini fino alla stessa fauna selvatica. Per questo motivo è stato richiesto l’intervento delle autorità competenti, per mettere in sicurezza l’intera area e vigilare affinché episodi del genere non si ripetano, considerando oltre alla pericolosità anche l’illegalità di questo vile gesto, vistato da una norma ministeriale dello scorso anno.

(In copertina immagine di repertorio)

La denuncia di Legambiente LodiVerde

Ecco la lettera di Legambiente LodiVerde:

Caro direttore, una nostra associata ci ha raccontato che durante la propria quotidiana passeggiata con il cane, presso la riserva faunistica della “morta” di Cavenago d’Adda, si è accorta che l’animale aveva preso in bocca qualcosa: si trattava di un’esca avvelenata per roditori. Allarmata, si è guardata intorno e ne ha trovate numerose altre. Dopo averle raccolte con guanti e sacchetti protettivi per evitare rischi, ha provveduto a segnalare immediatamente la situazione alla stazione locale dei carabinieri.

Nei giorni successivi, tornati nello stesso luogo, abbiamo trovato nuove esche velenose sui cordoli dei campi coltivati, sugli argini della morta e dentro lo specchio d’acqua, sempre in corrispondenza delle tracce di passaggi di animali. Abbiamo allora segnato la circostanza inviando esposto denuncia contro ignoti ai Carabinieri forestali di Lodi, al Parco Adda Sud e al Sindaco di Cavenago, raccogliendo e allegando prove materiali, foto e filmati.

Un pericolo per animali domestici, bambini e fauna selvatica

E’ un bel posto nel parco, frequentato da tanti inconsapevoli del pericolo, accompagnati da bambini e animali domestici. Sul luogo trova rifugio la fauna selvatica del parco che, attraverso la catena alimentare, può intossicarsi e perire.

Disseminare esche avvelenate è pericoloso e severamente vietato: il Ministero della Salute, con ordinanza pubblicata sulla gazzetta ufficiale del 22 agosto l’ordinanza del 12 luglio 2019 vieta l’utilizzo e la detenzione di esche e bocconi avvelenati per eliminare animali randagi, e disciplina nel dettaglio la procedura che si attiva se si sospetta che un animale abbia ingerito una sostanza velenosa o comunque tossica: fa scattare obbligatoriamente l’intervento dell’Istituto Zooprofilattico e le indagini per individuare chi abbia commesso il reato. La stessa ordinanza ricorda infine che il compito di disinfestazione e derattizzazione in ambito urbano (in natura non è necessario) è affidato esclusivamente ai sindaci che si avvalgono di società specializzate.

Richiesto l’intervento delle autorità

Crediamo necessario che sindaco e forze dell’ordine intervengano per mettere fine a questa pratica illegale e pericolosa, perseguendo i colpevoli e per avvisare, anche con cartelli, cittadini, agricoltori e fruitori dei rischi e delle prescrizioni di legge.

LEGGI ANCHE:

La prima neve di stagione a Lodi raccontata attraverso Instagram FOTO

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità