Cronaca
Squadra Mobile di Lodi

Deruba un'anziana e preleva col suo bancomat: ladra seriale fermata a Lodi

La giovane malvivente è responsabile di diversi furti commessi sempre nei confronti delle persone più fragili.

Deruba un'anziana e preleva col suo bancomat: ladra seriale fermata a Lodi
Cronaca Lodi, 09 Dicembre 2021 ore 16:18

Il personale della Squadra Mobile di Lodi ha denunciato alla competente Autorità Giudiziaria una donna, classe 1992, in Italia senza fissa dimora, ritenuta responsabile del furto con destrezza e successivo prelievo indebito presso ATM di questo capoluogo, avvenuto a Lodi il 27 aprile 2021 ai danni di una donna anziana.

(Immagine di repertorio)

Denunciato 29enne per aver rubato e usato il bancomat di un'anziana

In particolare la vittima, che si trovava nei pressi del supermercato Penny Market ubicato a Lodi, era venuta a conoscenza tramite una telefonata da parte della figlia di un prelievo di 1.000 euro effettuato con il proprio bancomat presso l’istituto di credito San Paolo di Lodi di corso Mazzini, operazione che l’anziana negava di aver fatto e infatti, controllando nella borsa, scopriva di aver subito il furto del portafoglio, dove conservava all’interno il bancomat.

Grazie agli Agenti è stato possibile individuare la responsabile del furto

L’attività di indagine ha consentito di individuare sia la responsabile degli illeciti che la targa del veicolo utilizzato. Si è inoltre constatato che l’autrice dei fatti in argomento, nel corso degli eventi, veniva accompagnata da un minore.

Ulteriori accertamenti hanno consentito di constatare che erano stati commessi altri fatti simili in altre località della Lombardia e del Piemonte, sempre con lo stesso modus operandi: lo scambio info-investigativo con altri uffici di polizia e un’ulteriore attività di indagine ha permesso di pervenire all’esatta identificazione della donna, pluripregiudicata per reati contro il patrimonio, dedita alla commissione di furti soprattutto in danno di soggetti ultrasessantacinquenni o appartenenti alle “fasce deboli”.

Seguici sui nostri canali