6 kg di droga

Da taxista a spacciatore in epoca Covid il passo è breve: 31enne in manette

L'uomo ha dichiarato agli Agenti di aver iniziato a spacciare a causa della grave crisi economica che ha colpito il settore dei taxisti. 

Da taxista a spacciatore in epoca Covid il passo è breve: 31enne in manette
Cronaca Lodi, 17 Dicembre 2020 ore 14:54

E’ stata proprio questa la giustificazione apportata dal 31enne finito in manette martedì 15 dicembre 2020 per detenzione ai fini di spaccio: l’uomo ha infatti dichiarato agli Agenti di aver iniziato a spacciare a causa della grave crisi economica che ha colpito il settore dei taxisti. 

In manette 31enne

La Squadra Mobile di Lodi ha arrestato un 31enne residente a Vizzolo Predabissi: si tratta di un tassista incensurato che, pare, si sia “improvvisato” rifornitore degli spacciatori. L’uomo, approfittando della libertà di circolazione generata dal suo impiego da tassista, non avendo clienti da portare in giro ha pensato bene di darsi allo spaccio e, al posto di persone, trasportava droga rifornendo gli spacciatori delle piazze lodigiane.

La perquisizione e l’arresto

Il 31enne è stato arrestato nella sua abitazione milanese, dove vive con la compagna: durante l’arresto è stata effettuata una perquisizione domiciliare grazie alla quale sono stati rinvenuti 4,2 kg di marijuana confezionata in 4 buste per indumenti sottovuoto; 1,8 kg di hascisc e circa 6mila euro in contanti, probabilmente frutto dell’illecita attività. Visto quanto ritrovato nell’abitazione l’uomo, colto in flagranza è finito a San Vittore con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

LEGGI ANCHE:

Operazione antidegrado a Lodi: rimossa ambulanza trasformata in discarica FOTO

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità