Cacciatore uccide ragazzo scambiato per un cinghiale

Sarebbe stato preso per una preda, forse perché senza giubbotto catarifrangente.

Cacciatore uccide ragazzo scambiato per un cinghiale
01 Ottobre 2018 ore 10:31

Come raccontato dal nostro portale ligure ilNuovoLevante.it, un diciannovenne di Apricale, in provincia di Imperia, Nathan Labolani, è morto per una fucilata all’addome esplosa da un cacciatore – un ventinovenne di Ventimiglia – durante una battuta al cinghiale. La dinamica dell’accaduto è ancora in fase di accertamento, ma l’episodio sarebbe avvenuto, verso le 8 di ieri, domenica 30 settembre 2018.

LEGGI ANCHE: Ucciso da un cacciatore: ecco chi era la vittima e cosa è successo

Cacciatore uccide 19enne per sbaglio

A quanto si apprende il cacciatore lo avrebbe scambiato per una preda, forse perché senza giubbotto catarifrangente, ed avrebbe così esploso un colpo dalla propria carabina, ferendolo a parte del corpo: al braccio e all’addome. Il colpo lo ha passato da parte a parte, impossibile salvarsi.

LEGGI ANCHE: Scambiato per una preda: 19enne ucciso da fucilata all’addome

Episodio anomalo anche in Lombardia

Sempre sul tema, anomalia registrata anche nel Bresciano, dove erano ancora in corso ieri le ricerche di Iuschra, la bambina autistica persasi sui monti di Serle due mesi fa. I soccorritori sono stati investiti da una pioggia di pallini, nonostante la zona ri ricerca fosse off limits per i cacciatori, ed è stato pure bersagliato (non si sa quanto casualmente o volontariamente, un drone utilizzato dai vigili del fuoco per provare a individuare la 11enne.

LEGGI ANCHE: CACCIATORI SPARANO NELL’AREA DI RICERCA DI IUSCHRA

Sicurezza nei boschi: pettorine obbligatorie?

Sebbene il fatto di cronaca sia avvenuto nel ponente ligure, sicuramente questo avrà ripercussioni anche nel resto della Regione e nel Levante, soprattutto alla vigilia del tavolo convocato dal consigliere regionale ligure Claudio Muzio proprio per discutere coi consorzi della proposta di legge che vuole rendere obbligatorie le pettorine catarifrangenti per i fungaioli.

L’altra faccia del cercar funghi: troppi incidenti

Il messaggio del soccorso alpino non poteva essere più chiaro di così:

“In questi giorni gli infortuni, anche gravi o mortali, che riguardano i cercatori di funghi purtroppo sono numerosi e con dinamiche del tutto simili – l’appello del Cnsas – Spesso la causa dell’incidente è la scivolata lungo scarpate impervie per diversi metri, con conseguenze a volte fatali. Bisogna stare attenti!”

QUI TUTTI I CONSIGLI DEL SOCCORSO ALPINO PER EVITARE RISCHI INUTILI

Anche perché sono davvero molti gli interventi in situazioni d’emergenza registrati nelle ultime due settimane, in Lombardia (e non solo).

LEGGI ANCHE:

Cercatore di funghi bustese scivola sulla roccia, è grave (Settegiorni.it)

Fungiatt precipita e muore a Curiglia, donati gli organi (Settegiorni.it)

Esce a cercar funghi e scompare nel nulla (GiornalediMonza.it)

Turista esce per cercare funghi ma si perde, intervengono i soccorsi (GiornalediSondrio.it)

Cercatore di funghi muore nel dirupo sotto gli occhi del fratello (NovaraOggi.it)

 

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia