Bracconaggio nel Po: individuati 166 punti di imbarco lungo tutto il fiume, 46 a Lodi

Proseguono le attività istituzionali di contrasto al bracconaggio.

Bracconaggio nel Po: individuati 166 punti di imbarco lungo tutto il fiume, 46 a Lodi
Lodi, 11 Luglio 2019 ore 10:51

Proseguono le attività istituzionali di contrasto al bracconaggio nel Po. Individuati 166 punti di imbarco lungo tutta l’asta del fiume: 46 a Lodi.  “Le attività di pesca illegale – hanno dichiarato gli assessori regionali con delega alla Pesca di Lombardia ed Emilia-Romagna, Fabio Rolfi e Simona Caselli, presenti a Palazzo Lombardia per il tavolo interregionale – hanno contribuito a indebolire la biodiversità nel Po e a diminuire il numero di esemplari di specie autoctone, come lo storione e l’anguilla”.

Bracconaggio nel Po

Nel 2018 era stato siglato il protocollo d’intesa triennale per il controllo della pesca illegale nel principale fiume italiano tra Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia-Romagna, le prefetture di Milano, Torino, Venezia e Bologna e l’autorità di bacino del fiume Po. In attuazione al documento, Regioni e Province coinvolte hanno individuato lungo tutta l’asta 166 potenziali punti di imbarco e sosta degli automezzi utilizzati nell’attività di bracconaggio.

Entro la fine di agosto sarà elaborata una mappa interattiva che sarà messa a disposizione delle Prefetture per il monitoraggio dei siti.

“Le attività di pesca illegale – hanno dichiarato gli assessori regionali con delega alla Pesca di Lombardia ed Emilia-Romagna, Fabio Rolfi e Simona Caselli, presenti a Palazzo Lombardia per il tavolo interregionale – hanno contribuito a indebolire la biodiversità nel Po e a diminuire il numero di esemplari di specie autoctone, come lo storione e l’anguilla. Per questo vogliamo intervenire con decisione e in maniera coordinata affinché vengano tutelata la fauna e le attività di pesca legale. Ora faremo una verifica su questi 166 punti di attracco per capire quali siano già utilizzati e concentrare meglio le energie”.

“E’ essenziale riuscire a fornire alle forze dell’ordine uno strumento innovativo – ha aggiunto Meuccio Berselli, segretario generale Autorità di Bacino – per consentire di intervenire in modo mirato ed efficace. Stiamo ultimando una rilevante attività di analisi nel dettaglio delle necessità e questo diventerà a breve un mezzo prezioso per intervenire. Chi avrà il compito di vigilare per scongiurare il grave fenomeno del bracconaggio sul Po potrà contare su conoscenze approfondite del territorio e tecnologie digitali avanzate”.

Cosa prevede il piano

Il piano operativo prevede un potenziamento delle forze di Polizia provinciale e locale anche con adeguamento delle attrezzature per il controllo notturno e la navigazione. I punti di imbarco pesca, sbarco e sosta degli automezzi di appoggio utili ed utilizzati nell’attività di bracconaggio, previsti per ogni provincia sono 8 a Ferrara, 14 a Parma, 16 a Piacenza, 11 a Reggio Emilia, 46 a Lodi, 13 a Mantova, 7 a Cremona, 42 a Pavia, 9 a Rovigo (in totale 166).

LEGGI ANCHE>> Infortunio accidentale, ragazza 21enne in ospedale 

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia