Attualità
aumento dei contagi

Riapre il reparto Covid a Codogno, dove venne scoperto il "Paziente 1"

I numeri dei ricoveri stanno aumentando in tutta la nostra regione e anche a Codogno si è resa necessaria la riapertura di un'area Covid.

Riapre il reparto Covid a Codogno, dove venne scoperto il "Paziente 1"
Attualità Basso Lodigiano, 10 Gennaio 2022 ore 15:33

Più di mezzo milione di cittadini lombardi è in quarantena. L'incertezza è molta in questi giorni anche a causa di dati che nelle ultime settimane sono "sporchi", per il susseguirsi di giorni normali e giorni festivi in cui si riduce il numero di tamponi eseguiti e di conseguenza non si riesce a leggere un trend chiaro.

Ciò che è chiaro, però, è che i numeri dei ricoveri in tutti gli ospedali lombardi sta aumentando e anche l'ospedale di Codogno si vede costretto a riaprire un reparto Covid.

Gli ospedali lombardi si riempiono

Tralasciando il dato di incidenza è ora di guardare come volge la situazione ospedali in Lombardia perché sappiamo ormai che un numero elevato di casi corrisponde, con un ritardo di circa 10-15 giorni, ad aumento anche delle occupazioni degli ospedali.

Al momento il dato che più ci avvicina inesorabilmente alla zona arancione è quello legato ai ricoveri nei reparti ordinari: l'ultimo bollettino, datato 9 gennaio, ci mostra un'occupazione in Lombardia al 27,6%, in crescita del 41% rispetto alla settimana precedente. Con questo trend di crescita, già a fine di questa settimana arriveremmo a sforare la soglia del 30%, fissata per il passaggio in zona arancione.

Più lenta è la salita nei reparti di terapia intensiva. Con i dati al 9 gennaio, la Lombardia ha un'occupazione al 15,9%, con un incremento però più modesto: +13%. A questo ritmo potremmo arrivare allo sforamento del 20%, soglia per il passaggio in zona arancione, tra due settimane.

Va ricordato che occupazione al 27,6% nei reparti ordinari e 15,9% nelle terapie intensive non significa che il resto è "libero"! Ci sono molte altre patologie, inutile sottolinearlo, che necessitano ricovero e/o posti in rianimazione. Più sale il dato delle occupazioni posti per Covid e più si toglie spazio a tutte gli altri malati.

LEGGI ANCHE: Più di mezzo milione in quarantena: la Lombardia vicina alla zona arancione

A Codogno riapre un reparto Covid

La crescita dell'occupazione nei reparti ordinari e non porta a riaprire in tutta la regione reparti chiusi da tempo con grande successo.

A Codogno, nell'ospedale dove quasi 2 anni fa venne identificato e riconosciuto il primo caso Covid in Italia nel "Paziente 1" Mattia Maestri, a causa dell'aumento dei contagi e dei ricoveri riapre il reparto Covid chiuso a giugno dello scorso anno. Una decisione sofferta ma divenuta ormai necessaria e irrimandabile in vista anche nell'accesso in ospedale degli ultimi giorni: sabato 8 gennaio 2022 c'erano circa 30 persone da ricoverare che fisicamente non avevano un posto dove stare.