Attualità
Ospedale Maggiore di Lodi

Operatrice sanitaria nei guai per un balletto TikTok in corsia

La dipendente ha pubblicato sul social un video di pochi secondi. Ma per l'Asst tale comportamento è in violazione del regolamento. E così la donna verrà trasferita...

Operatrice sanitaria nei guai per un balletto TikTok in corsia
Attualità Lodi, 29 Giugno 2022 ore 12:00

Vietato girare video in corsia e pubblicarli sui social. E' la regola in vigore nella Asst di Lodi, emersa con forza dirompente, in seguito al caso recentissimo dell'operatrice sanitaria "colpevole" proprio di aver trasgredito. Come? Proprio con un balletto in compagnia di... un bambolotto.

Operatrice sanitaria nei guai per un balletto TikTok in corsia

La donna, infatti, si è filmata mentre balla con un bambolotto indossando la divisa nell'ospedale Maggiore di Lodi. E poi ha pubblicato il breve video su TikTok. Ma il post non è proprio piaciuto ai vertici dell'azienda sanitaria che hanno prima di tutto fatto rimuovere il contenuto dal social, e poi disposto il trasferimento della donna dal suo reparto a un altro nosocomio del Lodigiano.

Sindacati sulle barricate...

Una decisione, quella presa dal Direttore generale, che di certo sta facendo discutere. Dall'altra parte della barricata, infatti, ci sono i sindacati che già nei mesi scorsi avevano chiesto al Garante della privacy di valutare questo nuovo regolamento "social" in vigore nella Asst. Troppi, secondo i referenti sindacali, i punti sensibili e troppe le limitazioni nei confronti dei lavoratori, su atteggiamenti che nulla avrebbero a che vedere con il lavoro svolto.

Vietato accettare "amicizie" sui social dai pazienti

Per i dipendenti, per esempio, sempre secondo il regolamento in vigore da marzo 2021, non sarebbe opportuno accettare richieste di amicizia sui social da parte dei pazienti. Per il momento, in conclusione, l'operatrice sanitaria con la "febbre" da TikTok sarà solo trasferita e non sembrano pendere su di lei procedimenti disciplinari.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter