Lodi

Il Sindaco Casanova premiato dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti

“Per il prezioso aiuto e sostegno donato alla sezione territoriale di Lodi”.

Il Sindaco Casanova premiato dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti
Attualità Lodi, 02 Settembre 2021 ore 09:52

Il Sindaco Casanova premiato dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti con un attestato di riconoscimento e una medaglia commemorativa.

Il Sindaco Casanova premiato dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti

Il Sindaco di Lodi Sara Casanova ha ricevuto dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (UICI) un attestato di riconoscimento e una medaglia commemorativa “Per il prezioso aiuto e sostegno donato alla sezione territoriale di Lodi”.

La consegna è avvenuta ieri, mercoledì 1 settembre 2021, a Palazzo Broletto, alla presenza del presidente Uici Ennio Ladini e del volontario Attilio Malusardi che hanno colto l’occasione per ricordare i 100 anni di fondazione dell’associazione celebrati lo scorso anno.

La sezione provinciale si è costituita alla fine degli anni ’90 e da allora offre agli iscritti (a Lodi circa una cinquantina) servizi di ascolto e consulenza psicologica e legale, supporta l’attivazione di forme di assistenza, tra cui recentemente anche quella per la prenotazione delle vaccinazioni anti-Covid e il trasporto ai centri vaccinali, promuove iniziative ricreative, culturali e sportive e corsi e campagne di prevenzione e sensibilizzazione.

“Il Comune di Lodi e la città sono profondamente grati al presidente Ladini e alla sua associazione per essere quotidianamente impegnati nella complessa opera di promozione dell’inclusione sociale delle persone cieche, ipovedenti e con disabilità aggiuntive - dichiara il Sindaco Sara Casanova -. Non si tratta semplicemente di garantire forme di assistenza pratica, ma di accompagnare le persone più fragili e spesso anziane anche sotto il profilo psicologico, con nuovi stimoli e proposte adatte alle diverse esigenze.

Un’ulteriore importante attenzione è quella rivolta dai volontari alla piena attuazione del diritto al lavoro, favorendo il collocamento professionale e supportando la gestione dei rapporti lavorativi. L’Amministrazione continuerà a fare la propria parte per sostenere l’indispensabile operato di questa realtà che negli anni ha saputo costruire sul territorio una rete di collaborazioni arricchente per tutto il tessuto del volontariato lodigiano”.