Attualità
Provvedimento regionale

Esami serali negli ospedali per accorciare le code: a Lodi si parte con la risonanza magnetica

Il direttore sanitario dell’Asst di Lodi Paolo Bernocchi: "Partiamo con le prestazioni radiologiche, poi ci allargheremo".

Esami serali negli ospedali per accorciare le code: a Lodi si parte con la risonanza magnetica
Attualità Lodi, 30 Aprile 2022 ore 11:11

Dopo che la vice presidente Letizia Moratti, nelle scorse ore, ha dato indicazione alle Asst di partire con gli esami negli orari serali e nei giorni festivi in modo tale da accorciare le lunghe code, il direttore sanitario dell’Asst di Lodi Paolo Bernocchi ha dichiarato che in provincia si partirà dalla risonanza magnetica e dalle Tac per poi allargare gradualmente il servizio anche ad altri esami.

Esami serali negli ospedali per accorciare le code

Un provvedimento messo in campo al fine di accorciare le code e le lunghe liste d’attesa. E' stata la vice presidente di Regione Lombardia, Letizia Moratti, a darne comunicazione ufficiale nelle scorse ore. Le Asst potranno così partire con gli esami negli orari serali e nei giorni festivi.

I primi a partire, il 1° maggio 2022, sono il Policlinico, il San Carlo, il San Paolo e il Bassini di Cinisello. Il giorno dopo partiranno il Niguarda, il Sacco, il Fatebenefratelli, il Buzzi e l’ospedale di Sesto San Giovanni. Gli ospedali milanesi prolungano glu orari per Tac, risonanze, radiografie e mammografie, in orari serali e nei fine settimana.

A Lodi si parte con la risonanza magnetica e le Tac

Anche Lodi non si esenta dal nuovo provvedimento che introduce gli esami serali e nei giorni festivi. Il direttore sanitario dell'Asst di Lodi, Paolo Benocchi, ha dichiarato:

"Da noi, dal 5 maggio per due volte alla settimana, le risonanze vengono effettuate fino alle 10 di sera. Orari in più anche per le Tac con e senza mezzo di contrasto. Il sabato le Tac saranno dalle 14 alle 20 e la domenica dalle 8 alle 14. Il sabato le Tac saranno effettuate all’ospedale di Lodi e la domenica in quello di Codogno. Per ora iniziamo con la radiologia. Poi passeremo alle altre specialità".

Nonostante la risonanza magnetica sia gestita da una società esterna, in radiologia e negli altri reparti che saranno coinvolti il prolungamento degli orari ci sarà uno sforzo in più da parte degli operatori sanitari già ridotti, a causa delle note carenze di personale. L’Azienda socio sanitaria territoriale, per le Tac in più ha coinvolto gli operatori attraverso il compenso previsto per le attività aggiuntive.

Dal 3 al 5 maggio votazioni per i rappresentati delle Rsu di Lodi

Dopo che sono andate a vuoto le votazioni di qualche mese fa per il mancato raggiungimento del quorum (posto a 1.036 votanti, ma dei quali hanno votato 933), dal 3 al 5 maggio prossimi si terranno le elezioni dei rappresentati delle Rsu nell'Asst di Lodi. Stavolta, per raggiungere il quorum, è stato aggiunto un seggio in piazza Ospitale.

"Crediamo che con una migliore organizzazione del voto, riusciremo a portare a buon fine le elezioni Rsu anche in Asst - commenta per la Fp Cgil Giovanni Bricchi -. Per il futuro invece non dovremo smettere di interrogarci su come mai, nonostante la presenza e la competizione di ben 7 liste, uno zoccolo duro del 35/40 per cento di dipendenti non va a votare. Nell’Ats si è registrata, invece, un’ampia vittoria della Fp Cgil, con 594 voti su 1.016 voti validi (58,46 per ento), a cui il seggio lodigiano ha contribuito con 31 voti su 88 voti validi (35,22 per cento).

A Santa Chiara, con oltre 200 dipendenti del comparto (204), su 115 votanti e 106 voti validi, la Fp Cgil ha ottenuto 38 voti (35, 85 per cento), la Fials 26 (24,53 per cento), la Uil 23 (21,7 per cento), il Cse 19 (17,92 per cento), mentre la Cisl non ha presentato la lista. A Santa Chiara, poi, le due candidate maggiormente votate, con 33 e 22 preferenze erano candidate della lista Fp Cgil, che ha ottenuto 4 delegati su 12 (3 Fials, 3 Uil, 2 Cse)".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter