Attualità
Corno Giovine

Bollette più leggere: Corno Giovine interviene sulla scuola

L'annuncio della consigliera regionale Patrizia Baffi: "Lungimiranza dal punto di vista energetico. Complimenti all'amministrazione"

Bollette più leggere: Corno Giovine interviene sulla scuola
Attualità Lodi, 25 Ottobre 2022 ore 11:45

Dalla Regione arrivano quasi 300mila euro: il Comune di Corno Giovine interviene sulla scuola. Le bollette saranno più leggere.

Quasi 300mila euro per la scuola

"Grazie al bando regionale Ri-Genera, il Comune di Corno Giovine potrà realizzare un importante intervento di efficientamento energetico dell'edificio scolastico, per un’azione volta al risparmio energetico su una struttura che è punto di riferimento per il territorio, a partire dai Comuni confinanti di Santo Stefano e San Fiorano. Per il progetto dal valore complessivo di 329mila euro, il Comune di Corno Giovine riceverà 293mila e 500 euro da Regione Lombardia".

Così Patrizia Baffi, consigliera regionale di Fratelli d’Italia, sull’approvazione della graduatoria del bando Ri-Genera.

Misura importante per i piccoli comuni

"E’ una misura importante soprattutto per i piccoli Comuni - continua Patrizia Baffi - spesso in difficoltà nel realizzare strutturalmente la transizione a costi sostenibili dalle fonti energetiche tradizionali a quelle rinnovabili, in un momento i rincari delle bollette mettono in grave difficoltà le casse di tanti enti locali".

Lungimiranza dal punto di vista energetico

“Il progetto del Comune Corno Giovine è un ottimo esempio di risposta lungimirante alla crisi energetica – conclude Patrizia Baffi -. Dopo i recenti miglioramenti strutturali sul tetto, questo intervento che verrà realizzato attraverso il bando Ri-Genera prevede l’installazione di un impianto fotovoltaico e lavori sul cappotto di isolamento e sui serramenti, per garantire all’edificio scolastico un significativo risparmio sulle bollette. Complimenti all’amministrazione e al sindaco Gianpiero Tansini per un approccio concreto a cui tutti dovrebbero ispirarsi, sia nel settore pubblico che in quello privato”.

Le domande sono state complessivamente 364, di cui 53 finanziate in prima istanza: successivamente sono state stanziate ulteriori risorse, pari a 13,9 milioni, in aggiunta agli iniziali 14,4, arrivando così a finanziare 102 domande.

(In copertina: uno scorcio della scuola di Corno Giovine)

Seguici sui nostri canali