Lodi

Approvato il progetto per l’efficientamento energetico della scuola “De Amicis”

Il quadro economico complessivo dell’intervento ammonta a 130.000 euro.

Approvato il progetto per l’efficientamento energetico della scuola “De Amicis”
Attualità Lodi, 27 Agosto 2021 ore 10:37

La Giunta comunale ha approvato mercoledì 25 agosto 2021 il progetto definitivo per l’efficientamento energetico della scuola primaria “De Amicis” di via della Calca, attraverso la sostituzione dei serramenti dell’edificio. Il quadro economico complessivo dell’intervento ammonta a 130.000 euro, interamente finanziato grazie a un contributo del Ministero dell’Interno.

Approvato il progetto per l’efficientamento energetico della scuola “De Amicis”

“L’operazione di adeguamento alla normativa energetica che condurremo alla scuola De Amicis si inserisce in un più ampio pacchetto di adeguamenti previsti nelle scuole che l’Amministrazione comunale ha varato proprio in questi giorni, per un valore complessivo di oltre 1.200.000 euro - spiega il Sindaco Sara Casanova -. Gli interventi riguardano la prevenzione incendi nelle scuole Cabrini e Barzaghi, la razionalizzazione dei consumi negli immobili della Spezzaferri e della De Amicis e la riqualificazione della pavimento del terzo piano del Cazzulani.

A questi lavori si aggiungono quelli di messa a norma già avviati negli istituti Cazzulani, Don Milani, Spezzaferri e Arcobaleno. Procediamo quindi a ritmo serrato, tenendo dritta la barra dell’impegno che fin dall’inizio ha guidato questa Amministrazione per assicurare ambienti più sicuri e vivibili ai nostri bambini e ragazzi”.

Cosa si farà

Entrando nel merito delle lavorazioni in previsione alla scuola “De Amicis”, occorre innanzitutto rilevare che i serramenti, in legno e con uno spessore del vetro pari a soli 2 mm circa, si presentano in condizioni di conservazione precarie.

“La stabilità e la funzionalità delle finestre dell’edificio è ormai compromessa - conferma l’assessore ai Lavori pubblici Claudia Rizzi -. In caso di eventi piovosi di particolare intensità si sono verificate anche importanti infiltrazioni. L’insieme di queste problematiche rende necessario un intervento radicale e definitivo di messa in sicurezza delle superfici vetrate, che assicuri anche buone prestazioni in termini di contenimento dei consumi energetici.

Procederemo quindi alla sostituzione di tutti i serramenti esterni, compresi quelli sopra le uscite di emergenza, scegliendo materiali e geometrie coerenti con quelli attuali, in accordo con la Soprintendenza. Le nuove finestre saranno dotate di meccanismo anta/ribalta, al fine di favorire il più possibile la ventilazione naturale e garantire migliori condizioni igieniche. La consegna del cantiere avverrà entro il 15 settembre, data limite indicata dal Ministero dell’Interno per poter beneficiare del contributo”.