Attualità
Lodi

Alla scoperta del vecchio ospedale di Lodi: pienone all'iniziativa

Visita alla parte storica del nosocomio e concerti al cinquecentesco organo Antegnati

Alla scoperta del vecchio ospedale di Lodi: pienone all'iniziativa
Attualità Lodi, 11 Ottobre 2022 ore 13:23

Grandissima affluenza all'appuntamento per la visita alla parte storica e antica del nosocomio lodigiano.

In tanti per la visita all'ospedale storico di Lodi

Successo per l'iniziativa "Giornata nazionale degli ospedali storici", che si è tenuta domenica 9 ottobre 2022 all'interno della parte più antica e classica del nosocomio lodigiano.

All'iniziativa hanno preso parte tante persone che, guidate dalla storica dell'arte Monja Faroni, sono andate alla scoperta del patrimonio artistico e culturale dell'Ospedale Maggiore di Lodi, mentre il maestro Michelangelo Lapolla ha proposto un suggestivo intervallo musicale suonando il cinquecentesco organo Antegnati, uno dei più antichi d'Italia, nella chiesa di Santo Spirito.

giornata ospedali storici lodi (1)
Foto 1 di 7
giornata ospedali storici lodi (2)
Foto 2 di 7
giornata ospedali storici lodi (3)
Foto 3 di 7
giornata ospedali storici lodi (4)
Foto 4 di 7
giornata ospedali storici lodi (6)
Foto 5 di 7
giornata ospedali storici lodi (7)
Foto 6 di 7
giornata ospedali storici lodi (8)
Foto 7 di 7

Il programma della giornata

La "Giornata nazionale degli ospedali storici" è stata promossa da Acosi, l’Associazione culturale ospedali storici italiani, di cui fa parte anche l’Asst di Lodi.

Il programma ha visto una visita gratuita alla scoperta del patrimonio artistico e culturale del nucleo più antico dell’Ospedale Maggiore di Lodi, scandito da due concerti eseguiti appunto dal maestro Michelangelo Lapolla sul cinquecentesco organo Antegnati custodito all’interno della chiesa di Santo Spirito.

Durante la giornata sono stati presentati anche il volume "Lo splendore della cura. Viaggio negli Ospedali Storici italiani", curato da Paolo M. Galimberti con un ampio capitolo dedicato a Lodi, e il Calendario ACOSI 2023.

Seguici sui nostri canali