Mostre e fiere

Autunno, appuntamenti da non perdere

Nonostante le restrizioni sanitarie, nelle prossime settimane ci saranno tanti eventi tra cultura ed enogastronomia: ecco alcuni consigli tra Emilia Romagna e Trentino, passando per il Lago di Como

Autunno, appuntamenti da non perdere
28 Settembre 2020 ore 11:19

L’autunno era il tempo delle sagre e delle fiere. Era il momento in cui a farla da padroni erano i prodotti delle nostre terre, dalle castagne ai funghi, dalle mele alle zucche… Per non parlare delle vendemmie e dei vini novelli. Ma era anche l’occasione di vernissage che davano il via a nuove mostre e rassegne di vario genere, all’insegna dell’arte e della bellezza.
L’emergenza Coronavirus, purtroppo, ha messo non pochi paletti. Tanti hanno dato forfait e rinviato all’anno prossimo, qualcuno ha ridimensionato i programmi previsti. Ma, pur tenendo conto delle dovute precauzioni, gli appuntamenti in calendario nelle prossime settimane sono tanti. Ve ne proponiamo una serie da cui potrete scegliere quelli a cui partecipare.

L’Emilia-Romagna emoziona con tante nuove mostre

L’Emilia-Romagna quest’autunno scommette sulla bellezza con mostre in prima assoluta e appuntamenti d’arte, da Piacenza a Rimini. Ecco una guida sui principali appuntamenti per tanti week end all’insegna del bello.
Piacenza, all’ex Enel “La rivoluzione siamo noi”
Nel palazzo Ex Enel, il 26 settembre ha aperto la mostra “La rivoluzione siamo noi”, un’esposizione dedicata al collezionismo italiano contemporaneo con oltre 150 opere tra dipinti, sculture, fotografie, video installazioni provenienti da 18 collezioni d’arte che indagano trasversalmente movimenti, stili e tendenze della contemporaneità. Aperta fino al prossimo 10 gennaio 2021. (www.xnlpiacenza.it)
Ferrara, “Donne e fotografia tra gli anni 50 e gli anni 80”
La Biennale Donna di Ferrara è dedicata quest’anno alle fotografe nazionali e internazionali con gli scatti di 13 artiste fra le più importanti del panorama internazionale, da Diane Arbus a Letizia Battaglia, da Chiara Samugheo a Francesca Woodman. La mostra “Attraversare l’immagine. Donne e fotografia tra gli anni Cinquanta e gli anni Ottanta” è a Palazzina Marfisa d’Este fino al 22 novembre 2020. (www.artemoderna.comune.fe.it)
Parma, la sontuosa Villa dei capolavori dell’Ultimo Romantico
Fino al 13 dicembre resterà aperta la Villa dei capolavori del collezionista Luigi Magnani, appena fuori Parma, a Mamiano di Traversetolo. Qui realizzò un Pantheon dei grandi artisti di ogni epoca: Renoir, Monet, Goya, Tiziano, Canova, Tiepolo, De Chirico… Questo allestimento si chiama l’Ultimo Romantico: oltre cento splendide opere provenienti da prestigiosi musei esposti accanto alla sua Raccolta d’arte permanente. (www.magnanirocca.it)

Bologna, “Monet e gli Impressionisti” a Palazzo Albergati
È un’anteprima assoluta internazionale, la mostra “Monet e gli Impressionisti”, ospitata a Palazzo Albergati, giacché è la prima volta che il museo parigino Marmottan Monet cede in prestito un corpus di opere uniche, molte delle quali mai esposte altrove nel mondo. Sono 57 i capolavori in mostra, rappresentanti di tutto il movimento impressionista francese da Monet a Renoir, da Degas a Manet. Ci sono opere celeberrime come Le Ninfee di Monet e il Ritratto di Madame Ducros di Degas. Fino al 14 febbraio. (www.palazzoalbergati.com)
Modena, “Anime Manga. Storie di maghette, calciatori e robottoni”
Come sono nati in Giappone i cartoni animati degli anni ‘80, poi esplosi in tutto il mondo? Qual è il loro linguaggio segreto? Lo rivela “Anime Manga. Storie di maghette, calciatori e robottoni”, la nuova mostra modenese, ospitata a Palazzo Santa Margherita fino al 10 gennaio 2021. (www.fmav.org)
Reggio Emilia, due mostre internazionali di fotografia
Sono pronte due prime assolute. “True Fictions – Ai confini della realtà”, a Palazzo Magnani, è la prima retrospettiva mai realizzata in Italia sul fenomeno della staged photography, dove artisti rielaborano digitalmente uno scatto per ottenere effetti immaginifici: pesci rossi che invadono le stanze, Marilyn Monroe e Lady D che fanno la spesa insieme. La seconda è “Atlanti, Ritratti e Altre Storie”, con le opere di sei giovani fotografi europei a Palazzo Da Mosto. Dal 17 ottobre al 10 gennaio 2021. (www.palazzomagnani.it)
Rimini, il PART si apre con la Collezione San Patrignano
Rimini festeggia l’apertura di un nuovo spazio museale, il PART, Palazzi dell’Arte. Il PART ospiterà la ricchissima Collezione della Fondazione San Patrignano, con opere di grandi artisti contemporanei italiani e internazionali – da Vanessa Beecroft a Julian Schnabel, da Damien Hirst a tanti altri – donate alla comunità di recupero nel corso degli anni da tanti collezionisti e benefattori. (www.palazziarterimini.it)

Trentino Alto Adige: tra mele, vini e castagne

Se c’è un territorio che nei prossimi mesi sarà ricco di eventi e manifestazioni fieristiche legate in particolare alla maturazione di prodotti locali, raccolti e proposti nei piatti della cucina territoriale, quello è sicuramente il Trentino Alto Adige. Senza trascurare mostre e kermesse di altro genere.
In Val di Non questa è la “buona stagione”
La bontà dell’autunno in Val di Non è sicuramente assicurata innanzitutto dalla raccolta delle uve e delle mele che porta a dar vita a diverse occasioni di incontro. E’ il caso di “Wine Trekking” che nelle giornate del 9, 16, 23 e 30 ottobre, dalle 17 alle 19, al costo di 15 euro, permette di visitare una cantina con degustazione di fingerfood tra i vigneti a picco sul Lago di Santa Giustina che sono meravigliosi. E quante opportunità per le mele. C’è “Raccogli le mele dall’albero” con la possibilità, appunto, di entrare in un meleto e di raccogliere le mele direttamente dalla pianta: domenica 4 ottobre alle 14, e giovedì 8 ottobre alle ore 10, al costo di 15 euro inclusa la merenda e circa 5 kg di mele. E a proposito di mele, poco sopra il paese di Cles c’è un frutteto speciale dove vengono coltivate mele che non si trovano più in commercio. Con 10 euro ci si potrà andare sabato 3, 10 e 17 ottobre alle ore 15: in omaggio il ricettario delle torte di mele di Pomaria. Poi, a Mollaro, si trova MondoMelinda. Giovedì 15 ottobre, alle ore 15, a 9 euro a persona, si potrà vedere come vengono selezionate e impacchettate. Per tutti questi eventi, la prenotazione va fatta entro le 17 del giorno precedente allo 0463.830133 oppure info@visitvaldinon.it.
Alpe di Siusi, alla scoperta della Dispensa di Fiè e del Törggelen
Un appuntamento da non perdere per i buongustai è la tradizionale “Dispensa” a Fiè allo Sciliar che si rinnova per la 43a volta per tutto il mese di ottobre. La “Dispensa” riserva ogni anno gustose sorprese della cucina locale: piatti preparati secondo antiche ricette e magistralmente adattati dagli chef al gusto moderno. Tutti i venerdì di ottobre ecco, invece, un’occasione per celebrare il Törggelen, quella che una volta era la festa organizzata dai contadini e dai loro braccianti alla fine del raccolto e della vinificazione dell’uva e che si evoca in tutto l’Alto Adige: un’escursione guidata con Günther Vettori sul sentiero degli antichi masi di Aica, immergendosi in vigneti, castagneti e frutteti. (www.seiseralm.it)

“Emozioni in malga” a Bressanone e dintorni
“Emozioni in malga” è l’iniziativa proposta dal 17 ottobre al 7 novembre dalle aree vacanza di Rio Pusteria, Bressanone, Chiusa-Barbiano-Velturno-Villandro, Naz-Sciaves. Un’occasione speciale per conoscere da vicino questa terra, la sua gente e le sue usanze, scoprendone la cultura contadina di montagna e le tradizioni artigianali e assaggiandone le prelibatezze nei rifugi (www.emozioni-in-malga.it). Inoltre ogni venerdì, fino al 16 ottobre, l’ufficio turistico di Bressanone offre un tour vinicolo per la città con degustazione di tre vini tipici in luoghi dall’atmosfera raffinata: nel cortile rinascimentale della Hofburg, nell’ambiente storico dell’Hotel Elephant e nell’enoteca Vitis del Finsterwirt/Oste scuro. Infine, dal 17 ottobre all’8 novembre, si potranno gustare delle prelibatezze creative a base di castagne durante le “Settimane culinarie delle castagne della Valle Isarco”. (www.brixen.org)
A Merano protagonista il vino
Tempo di vendemmia anche a Merano che celebra la raccolta dell’uva con due importanti eventi. Seppur in versione ridotta causa Covid, il fine settimana del 17 e 18 ottobre 2020 torna la Festa dell’Uva con ingresso gratuito. Avranno luogo diverse iniziative autunnali, che richiamano la cultura, la tradizione e il ringraziamento per i doni del raccolto e nelle varie piazze della città verranno posizionati i carri allegorici più significativi dal punto di vista storico, come il carro “Corona delle mele” di Marlengo, il carro “Kundschafter” e il carro con lo stemma della città di Merano. Si svolgerà, invece, dal 6 al 10 novembre il Merano WineFestival, uno degli eventi enogastronomici più importanti d’Europa. Durante questa kermesse si degustano specialità selezionate e i migliori vini di tutto il mondo accompagnati dalle specialità culinarie del marchio Culinaria (www.merano-suedtirol.it)
San Vigilio di Marebbe, tra gufi e civette
Da ultimo, vi segnaliamo che siete ancora in tempo per visitare il Parco Zoo di Ciamaor, a San Vigilio di Marebbe, nel Parco Naturale di Fanes-Senes e Braies. Un’occasione per entrare in contatto con un gufo reale piuttosto che un gufo comune, con un allocco o con una civetta nana o un caporosso. Sono cinque delle sette specie di Stigiformi esistenti che alloggiano nel Parco. (www.owlparksanvigilio.com)

Con il FAI, due weekend per scoprire le ricchezze del Belpaese

Sono le Giornate FAI d’Autunno, proposte appunto dal Fondo Ambiente Italiano, che si svolgeranno il 17 e 18 e il 24 e 25 ottobre. Le località sono in via di definizione, per cui è necessario controllare con attenzione il sito www.giornatefai.it per non perdere nessuna occasione di visita. E per prenotarsi, perché è l’unico modo per avere la certezza di un posto riservato, scegliendo il giorno e l’orario preferiti tra quelli disponibili e versando il contributo in favore del FAI a partire dal 6 ottobre. Per partecipare alle visite non esiste un vero e proprio biglietto di accesso; al momento della prenotazione verrà richiesta l’erogazione di un contributo minimo che andrà a sostenere le attività istituzionali della Fondazione, oltre che garantire la visita in sicurezza. Nel caso i turni disponibili nelle prenotazioni online non fossero pieni, sarà possibile far partecipare i visitatori che non hanno prenotato  no a esaurimento della capienza del turno di visita.
Durante le visite sarà necessario rispettare tutte le norme di sicurezza contenute nei cartelli informativi posti all’inizio del percorso, a partire dal distanziamento sociale per evitare di creare assembramenti. È obbligatorio indossare la propria mascherina durante l’intera durata della visita, disinfettare le mani con gli appositi gel situati all’ingresso del percorso e attenersi in generale alle indicazioni date dal personale volontario.

Il fascino del Lago di Como by night

Sarà un lago di Como dal sapore, dai colori e dai suoni mai visti quello che si presenterà agli occhi dei turisti dall’autunno all’inverno per culminare a dicembre nella magica atmosfera del Natale. La pandemia non ha fermato chi questa estate ha voluto trascorrere in piena sicurezza alcuni giorni di relax tra le bellezze del paesaggio e lungo le acque delle rive dei borghi che si affacciano sui due rami di Como e di Lecco.
Anche le dolci colline della Brianza tra Merate e Cantù si stanno preparando alla stagione invernale. È un calendario unico quello che offrirà decine di eventi tutti i giorni. Sono i tesori del Lago di Como da scoprire sempre su www.lakecomo.is.
Dall’alba al tramonto alla ricerca di luoghi meravigliosi e la sera tra paesaggi di luci d’autore. Nelle piazze, nelle corti, nei giardini, nelle dimore storiche, lungo itinerari di cammino e in luoghi inaspettati ci saranno appuntamenti di musica, teatro, danza, cinema, letteratura, rievocazioni storiche e sagre di tradizione. Gli scenari sono quelli delle dimore storiche e dei musei tematici e i grandi giardini all’italiana.
In mezzo alle tante offerte va segnalata l’esperienza “Lake Como Christmas Light”: lungo le sponde del Lario trenta borghi illumineranno le rive per offrire un paesaggio meraviglioso a chi deciderà di vivere una crociera sul lago con i battelli di linea della Navigazione Laghi e i motoscafi. Una esperienza che grazie a un’app dedicata (LCL) consentirà di scoprire la storia e le bellezze dei borghi durante la navigazione.
E un’importante offerta da non perdere: alberghi, agriturismi e bed&breakfast regaleranno un pernottamento a chi, dopo un week end passato sul lago, tornerà per rivivere l’esperienza anche in autunno o in inverno. L’elenco delle strutture che hanno aderito all’iniziativa “Torna a trovarci” e il regolamento della promozione sono consultabili su www.lakecomo.is.

Altre occasioni per un fine settimana indimenticabile

A Lodi il Festival della Fotografia Etica
Giunto alla XI edizione, è in programma tutti i week end fino al 25 ottobre con sedi completamente nuove e completamente all’aperto presso parchi pubblici, prestigiosi palazzi e nuovi cortili storici e toccherà anche Codogno. Tutto il programma su www.festivaldellafotografiaetica.it.
Al Palazzo Ducale di Sabbioneta
Nella città dei Gonzaga continuano le visite guidate per tutti i week end di ottobre: sabato e domenica alle ore 11 e alle ore 15 con partenza dall’Infopoint di via Teatro Olimpico n. 2. Il costo del servizio guida è di 5 € a persona, gratis fino a 6 anni. (www.turismosabbioneta.com)
A San Martino di Castrozza “Una notte al Parco”
Ritorna anche quest’anno l’appuntamento con “Una Notte al Parco”, evento organizzato il 10 e 11 ottobre in Val Canali. E’ dedicato a grandi e piccini con tanto di caccia al tesoro, passeggiate tra i boschi, escursioni notturne e cena in malga. (www.sanmartino.com)
Oltrepo Pavese per la “La Curmà della Vendemmia 2020”
Appuntamento il 3 e 4 ottobre all’Agriturismo Le Tradizioni di Elide per rivivere la Curmà, evento conviviale al termine della vendemmia con cui si festeggiava il raccolto e si ringraziavano i lavoratori stagionali. Domenica a pranzo si potrà passeggiare tra i vigneti, e approfittare del mercatino agricolo con prodotti aziendali in compagnia degli animali di cortile. Informazioni e prenotazioni tel. 0385.75480 – 335.6136818.
Val Polis Cellae l’11 ottobre
Domenica 11 ottobre, dalle 10 alle 18, torna “Val Polis Cellae”, l’evento di punta organizzato dalla Strada del Vino Valpolicella. Partecipano 15 cantine del territorio che apriranno le loro porte ad appassionati, turisti e curiosi per degustare un calice di Amarone o di Recioto abbinato ai sapori del territorio. Il costo del biglietto è di 25 € ed è valido per tutti e cinque i percorsi previsti. (www.infovalpolicella.it)

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia